62. Zubani, Giuseppe a Zubani, Santo

Brescia (BS), 2 gennaio 1912

Brescia 2-1-912 Papà carissimo,
[1] La vita militare è | come io l'aveva immaginata, non | brillante quale la dipingeva a voi in | famiglia. Mi piace però, e se | continua come s'è iniziata credo | non avrò mai occasione di lamen-|tarmi.
[2] Quando poi rifletto e penso che | la carriera da me intrapresa | diminuisce, e non di poco, le spese | a mio riguardo, che ha sollevato | la mamma da un peso e da un | pensiero che la opprimeva e che | ha tolto ad Elvira, la più gran-|de seccatura e noia ch'ella | aveva tra i piedi, e che || infine ha innalzato ed | innalzerà maggiormente il mo-|rale, e con esso il fisico di tre | persone, son spinto ancor | più a continuare quella | carriera che con tante spe-|ranze ho cominciato.
[3] S'innalzi da voi un inno | di ringraziamenti per colui | che in gran parte era la | causa delle vostre disgrazie, | che tante pensieri faceva | rivolgere nella vostra men-|te, che nessuno affetto su-|scitava, né seppe suscitare, nel | vostro cuore.
Ora siete liberi voi, son qua-|si libero io e da nessuno || dipendo fuorché dai miei | superiori dai quali voglio | e saprò farmi amare.
[4] Non mi spiace, no, la vita | militare sebbene piena di | sacrifici, non mi spiace per|chè unica apre a me la via | dell'avvenire.
E se un giorno, forse non | lontano, la patria avrà bi|sogno del mio braccio, non | sarò io che glielo negherò, | anzi spontaneamente l'offrirò, | e se la necessità lo richiederà | sacrificherò per lei la vita.
[5] Ben ha ragione il mio tenente che | dice « chi scorda la famiglia è un | bravo militare» ||
Io infatti non provo la solita noia | dei soldati che non pensano ad altro | che alla famiglia ed all'amante. | Io amo il mio cavallo quasi come | mè stesso, egli è il mio amico, a | lui dò spesse volte il mio rancio | giacché non mi piace troppo, con | lui inizio l'avvenire della mia | vita.
[6] Non ho scritto a Cenzo né ad alcun | altro perché non ho tempo.
[7] La calligrafia e l'inchiostro mi | mancano, ecco perché ho scritto | male e con la matita. Domenica sera ho ritirato la prima | cinquina, cioè 2 soldi solo perché era qua da | un sol giorno, ma due soldi guadagnati. | Sono i primi due.
Saluti alla Dist. F. del Dottore ed a | voi tutti
Peppino Zubani

Reggimento Cavalleggeri di Aquila | IV° Squadrone Via Grazie | Brescia


Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 64.
Lettera di carta bianca, a righe. Matita nera, eccetto le sottolineature con l'inchiostro blu, tranne quelle delle seguenti locuzioni: «Reggimento Cavalleggeri di Aquila | IV° Squadrone Via Grazie | Brescia» e «guadagnati» e «due». Dimensioni 11.1x17.9 cm.