52. Zubani, Giuseppe a Zubani, Santo

Brescia (BS), 21 maggio 1910

Brescia 21-5-910 Carissimo papà
[1] Avrai certo ricevuto le | mie cartoline, inviate da Riva in | data 19. Occorrerebbero 10 fogli | non uno per descriverti tutti i di-|vestimenti, di quel giorno.
Mi sono veramente divertito.
[2] Siamo dunque partiti da Brescia alle | 5 ½ per Desenzano.
Colà giunti ci recammo in Chiesa | per udire la S. Messa ed una | piccola predica d'occasione.
Entrammo poi in battello, tutto | a nostra disposizione, dal ponte di | comando sino alla stanzetta del | fuochista, che io, puoi ben imma-|ginartelo, visitai minutamente. || Da Desenzano partimmo sul | nostro Benaco costeggiando la riviera | Veronese, ci fermammo un poco | a Castelletto dove ci furon fatte | moltissime fotografie, e molte | dimostrazioni di simpatia dagli | abitanti. Sul battello poi | vi fu una breve colazione, e | poi sempre costeggiammo la splendida | riviera Veronese con tutto nostro | comodo, essendo che il battello come | già dissi era ai nostri ordini. | Giungemmo finalmente a Riva.
[3] Oh! Che simpatica cittadina! Non | v'ha paragone con tutti gli altri paesi | sian grossi o piccoli di tutto il lago. || Tutte le vie larghe e pulite, fiancheggiate | sempre o da maestosi fabbricati o da | graziosissime ville.
I viali sono ombreggiati e diritti, è insom-|ma una cittadina splendida, migliore | di quante altre vidi, e che abbiano press'a-|poco la medesima popolazione.
Mangiammo, dopo una breve passeggia-|ta lungo i viali della città, allo splendido Hôtel S. Marco, alla fre-|sca ombra di numerosi ippocastani, | in un cortiletto interno all'albergo.
[4] Abbiamo visitate poi diverse cascate, | e finalmente fra un addio della | popolazione simpatica, entrammo | nel battello e costeggiando la | riviera bresciana, dopo aver di | nuovo mangiato alcuni dolci, || giungemmo a Desenzano.
Una grande fotografia, che | procurerò di mandarti quanto | prima, fu fatta a tutto il collegio, | proprio sotto la stazione di Desenzano.
Ritornammo poi al treno, ed | alle 8 rientrammo in collegio | lieti per la bella passeggiata | ma spiacenti di averla già | fatta. [5] Un lieve accidente, dalla | gioia mi trasporta al dolore proprio | in questo momento e cioè mi sono | slogata una mano nel salto. Non | impensierirti perché l'ho di già fasciata | e credo che il dolore che provo sia maggiore del|le conseguenze che verranno forse in seguito.
Desidero tue notizie ed anch'io presto te ne | manderò di mie riguardo alla | mia mano.

Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 64.
Lettera di carta bianca, a righe. Inchiostro nero. Dimensioni 11.2x17.9 cm.