28. Pesenti, Teresa a Mazzoldi, Teresa

Ingurtosu (CA), 16 dicembre 1912

Ingurtosu 16 - 12 - 912.
Carissima Sig. Mamma,
[1] Unisco anch'io due parole alla | letterina di Tina per ringraziarla tanto | tanto degli splendidi oggetti che cosi | gentilmente volle offrire alle bambine. | La ringrazio anche della Sua affettuosa | letterina. Anche la letterona di Elvira ci | fù assai gradita: peccato però che fosse troppo | lunga, perché dovemmo impiegare tutta la | giornata per leggere tutte le notizie…
[2] Anche a nome di Cenzo ringraziamo la | cara Elvira d'aver accettato cosi di buon | cuore di essere la madrina della nostra | piccina. Diversamente sembra poco | contento il Sig. Padrino poiché non s'è ancor | fatto vivo. Meno male che abbiamo || tempo d'aspettare poiché Cenzo pare voglia | attendere che s'allunghino un po' le giornate | per fare il Battesimo. Nel caso che | Beppino accettasse d'esser padrino giacché | qua usano molto che vi siano padrino, | e madrina anche essendo bambina, | avevamo pensato di farlo sostituire da | Francesco, e l'Elvira da una maestra | continentale che abbiamo ad Ingurtosu, | la quale è una brava Signorina a noi | molto affezionata. Se fosse una zia | delle bambine non potrebbe amarle | di più. Però prima di parlare ai pa-|drini di procura, è necessario d'esser | sicuri dei padrini veri. [3] Ippolitina che | sin'ora fu soltanto allieva di sua | mamma, ora incomincia a prendere | qualche lezione anche dalla suddetta | Sig.na Papotti la quale è soddisfatta | della sua piccola alunna. || Le letterine che scrive a loro sono soltanto | corrette dagli errori d'ortografia, mentre | i pensierini espressi sono puramente suoi. | [4] Anche Betty sembra appassionata | alla lettura, è un tormento continuo | ogni volta che vede la sorella leggere e | scrivere poiché vorrebbe fare altrettanto | anch'essa. Non avevano torto di chia-|mala curiosa quando la conobbero, sebben | allora fosse una marmotta in confronto. | Franceschino poi la fa divertire assai | ed è diventata la sua coccoletta.
[5] La piccola Elviruccia sta benino, solo di | notte non dorme molto, ma pazienza | s'accomoderà. Di fisionomia, sembra asso-|migli a Tina perché a lineamenti piccoli | ed è gracilina. [6] S'avvicina il S. Natale | e purtroppo anche quest'anno dobbiamo | passarlo lontani dai nostri cari e || dai nostri paesi. Pazienza! Ci unire-|mo col pensiero e pregheremo il Celeste | Pargoletto perché conceda Loro tutte le | più elette benedizioni. M'accorgo d'aver | oltrepassato le due righe, e l'avrò | certo annoiata colle mie chiacchere.
Dovendo lasciare un po' di spazio anche | a Cenzo, finisce augurando Loro fe-|licissime feste Natalizie.
Salutino tanto le zie d'Irma, e quelli | che ci ricordano e Loro aggradiscano | unitamente ai baci delle bambine un'affettuo-|so abbraccio dalla Aff.ma Teresina

Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 18.
Lettera di fogli di color bianco. Inchiostro nero. Dimensioni 18x10.9 cm.