19. Pesenti, Teresa a Mazzoldi, Teresa / Zubani, Santo

Ingurtosu (CA), 1 giugno 1908

Ingurtosu 1 Giugno 1908
Carissimi!
[1] Scrivo io poiché Cenzo in | questi giorni è talmente agitato di non | poter concepire un'idea. [2] Sperò però che | avranno la bontà di aggradire con | gioia la notizia che sto per dar Loro, | quantunque sia un po' dolorosa e | inaspettata. Da parecchi mesi Cenzo | è tormentato da una forte nostalgia | che lo rende quasi irragionevole oltre | i disturbi che soffre; dolor di testa, | dolor di stomaco e debolezza generale, | e per giunta è diventato sordo | quasi completamente. Sperava trovar | rimedio nelle medicine, ma | inutilmente. Il dottore dice che la | causa maggiore siano dispiaceri || ed il continuo lavoro, che in 3 lunghi | anni non ebbe mai un giorno | di riposo: solo dal Gennaio scorso | fù concesso in miniera il riposo | festivo. Cenzo però deve supplire | lavorando di notte, e credano che | il lavoro di Cenzo non è da | paragonare agli altri…
[3] Perciò il dottore dice che la mi-|glior cura sarebbe di passare un | a mesetto al clima nativo, ove | possa riposar tranquillo in grembo | all'amata famiglia, essendo più | malattia morale che fisica.
[4] Il Direttore vedendo lui pure l'estre-|mo bisogno lo consigliò di par-|tire gli ultimi di questo mese | essendo appena in tempo per | ottenere il bilietto gratuito per mare, || poiché d'ora in poi, cioè i primi | di Luglio la Società cambia | contratto colla navigazione, e | allora … Chissà quando si potrebbe | venire! Oltre ciò fù tanto | gentile di promettere un mese | anticipato più una gratifi-|cazione per lavoro notturno.
[5] Ora è tutto deciso e speriamo che | Loro ci vorranno abbracciare con | gioia. Il giorno 28 di mattina | arriveremo a Brescia colla 1a corsa | e speriamo di rivedere alla stazione | qualcheduno della Famiglia.
[6] Desideriamo presto una loro lettera. | Ricevemmo ieri l'altro la carissima | lettera della Sig.ra mamma e | ci consolò colle Sue affettuose parole. || La ringraziamo anticipatamente | delle belle cose promesse, però | se il pacco non l'avesse | ancora spedito potrebbe lasciarlo | al nostro ritorno. In famiglia | stanno tutti bene nevvero?
[7] Ippolitina di quando, in quando | soffre di diarrea non so se | siano i denti, o che cosa possa | essere. Meno male che fra poco | avrò il piacere di ricevere qualche | Suo consiglio per l'allevamento | della bambina. [8] Giorni fá ricevetti | una letterina meravigliosa | dalla cara Elvira, basta che | Le dica che sembra un predicatore. | [9] Se sapesse come desideriamo di | rivederli tutti e di far Loro gustare | le carezze della nostra piccina. Incomin-|cia di già a mandare il bacio alla | fotografia del nonno, e della nonna ||
[10] Uniamo a queste poche lire, che | serviranno Loro per le spese del | viaggio. Giacché abbiamo la | combinazione non sarebbe bello | combinare che Elvira si trovasse | alla Stazione di Palazzolo e cosi | si potrebbe fare il viaggio assieme? | Pertanto finisco mandando | Loro i più affettuosi saluti an-|che a nome di Cenzo e le più | tenere carezze dell'Ippolitina.
Loro Aff.ma
Teresina Z.

Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 18.
Lettera di fogli di color bianco. Inchiostro nero, eccetto le sottolineature in matita nera. Dimensioni 17.8x11 cm.