9. Zubani, Vincenzo a Mazzoldi, Teresa / Zubani, Santo

Bergamo (BG), 5 novembre 1903

Bergamo, li 5 - 11 - 1903
Carissimi genitori.
[1] Ricevetti la raccomandata di £ 40 | di cui 33 le spesi per la tassa d'iscrizione e | £ 5 per il deposito nel laboratorio di fisica. | Inoltre ho dovuto farmene prestare 10 da | un mio compagno per unirle a 5 ch'io aveva | onde pagare il deposito pel laboratorio di chimica | ammontante a £ 15 di cui vi accludo | ricevuta, unitamente a quella della padrona | pel mensile scorso. [2] Naturalmente questi | depositi mi verranno restituiti alla fine | dell'anno, detratte le rotture ch'io avrò | compiute; ma intanto bisogna pagare! | Io comprendo benissimo come sia disastroso | per voi, ma d'altronde come posso io | risparmiarle? Ora per esempio mi | trovo con una sola lira in tasca e || ho un debito di dieci lire con un mio compagno, | debito che devo subito soddisfare. Se mi | arriva il baule non ho di che pagare la | spedizione. Debbo ritirare il mio certificato | di promozione della tintoria e non lo | posso perché debbo versare £ 1,20 per | l'importo del bollo; inoltre non ho potuto | comperare ne cappello ne le altre cosette | che mi occorrono. Vedete bene che non | c'è bisogno di raccomandarmi con l'econo|mia perché la debbo fare per forza.
[3] Sono costretto ancora a pregarvi | d'inviarmi almeno una ventina di lire! | Vi rammento anche che all'11 del mese corr. | scade il mensile e che quindi dovrete mandar|mi anche quello. Finora non s'ebbe nessun | avviso, ma fra poco dovrò pagare altre | 15 lire per la 1a rata della tassa || interna d'esercitazioni. È un'affare molto | serio, ma spero che anche voi vorrette | fare questi ultimi sacrifici pensando | che fra otto mesi ne raccoglierete il frutto, | almeno spero. [4] Io ho molto, ma molto | lavoro, poiché il Prof. Scoccianti quest'anno | pare voglia rimediare all'inerzia dell'anno | scorso e non solo ci svolge il programma | con rapidità, ma ci trattiene in laboratorio | fino alle 6 pom.ne e magari fino alle | 6½. Vi assicuro che alla sera, dopo | 9 ore di scuola, mi sento stanco | abbastanza. [5] Mi premerebbe sapere presto | quale esito abbia avuto la raccomanda|zione a Zanardelli, poiché se fosse | negativo, bisognerebbe subito cominciare | le pratiche. [6] Per me ora le cose | dell'Istituto si mettono bene, ma || debbo stare molto in guardia giacché | mi trovo in condizioni critiche. [7] Io ritornando | con ‹Scoc›cianti non feci certo cosa che piacesse | a Gandini, per cui debbo tenermi ben | preparato in meccanica e sgobbare nel vero | senso della parola, e debbo anche sgobbare | in chimica (il che del resto non mi pesa essendo nel | mio interesse) poiché Scoccianti non ha del | tutto dimenticato la baraonda dello scorso | anno e potrebbe far ricadere su di me la sua bizza.
[8] Attendo subito subito una vostra lettera | contenente quanto vi chiesi. Vi prego inoltre | d'essere puntuali nel mensile. Vi lascio | perché ho sonno e sono le 11½.
Salutate | tutti, baciate il nonno, i bimbi e | ricevete tanti abbracci dal vostro Aff.mo Cenzo

P.S. Pel resto… non temete che debbo | pensare a tutt'altro, e che prima | debbo rivolgere i miei affetti alla | Sig.ra Chimica.


Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 72.
Lettera di fogli di carta bianca, a righe. Inchiostro nero. Dimensioni 17.5x11 cm.

Al comma n. 5 si cita «Zanardelli», si tratta del grande statista bresciano Giuseppe Zanardelli, allora Presidente del Consiglio (cfr. ROBERTO CHIARINI, Biografia di Giuseppe Zanardelli, in AA. VV., Giuseppe Zanardelli. Il coraggio della coerenza, Skira, Milano 2003, pp. 74-78).