19. Pesenti, Teresa a Mazzoldi, Teresa / Zubani, Santo

Ingurtosu (CA), 24 giugno 1905

Ingurtosu 23 4 - 6 - 1905
Carissimi Signori Genitori,
[1] Non potranno immaginarsi la | gioia che provammo nel ricevere la Loro carissima | lettera che tanto sospirammo, molto gradita ci | fù anche la cartolina della S. Mamma che rice|vemmo qualche giorno prima. Peppino ci ha | scritto già una lettera e due cartoline illustrate; | il Sig. Cicino Mazzoldi due cartoline illustrate; | la Sig. Evelina una cartolina illustrata in rispo|sta alla nostra; noi abbiamo spedite una quantità di queste cartoline, ma ebbimo soltanto questi | che ci contraccambio. Questa mattina poi ricevemmo | con molto piacere una cartolina postale dalle | S.re Zie di Irma, una cartolina dal S. Arciprete | una lettera del S. Ferdinando Zanardelli ed una | cartolina del nostro Caro Cicino, unitamente | il giornale della S.ra Mamma che mi fù | oltremodo gradito, poiché sento il bisogno || di leggere qualche cosa di buono, non essendovi | qui alcun mezzo di far un po' di bene, fuorché | una Messa alla Festa quando posso assisterla | Cenzo poi deve lavorare sino a mezzogiorno | quindi non può. [2] Qui la S. Messa la celebrano | nella scuola, ma non mi piace, mi sembra | d'entrare in un teatro, in primo luogo si | vedono le Signore sedute tutte vicine che fan|no conversazione come al caffè intanto che | si aspetta il prete che celebri la S. Messa, | la varietà delle persone, le signore in capel|lo, le operaie in velo, le contadine ben | vestite con un piccolo fazzoletto di seta | in testa, le serve con grembiule bianco | ma scalze, e parecchie in costume. [3] Giovedì | l'hanno celebrata più con solennità, avevamo | un secondo prete che cantava, accompagna|to da uno strumento che non ho mai sentito | che fra uno, e l'altro facevano venire la febbre, | ma per i sardi questo strumento, e l'orghe|netto che suonano i nostri contadini sono i || preferiti, di modo che sprezzano il pianoforte | e la musica completa. [4] La più lieta notizia | che godo d'annunziar Loro è quella che Cen|zo gode una buonissima salute, mangia | benissimo senza soffrire alcun disturbo, la | camomilla qua non l'ho ancora assagiata. | Quasi tutti i giorni fa la passeggiata l'an|data e ritorno a piedi al laboratorio che | per ora e ancora a Naracauli, potrebbe andare col biroccino, ma dice che si sente | meglio facendola a piedi. Il nostro medico | gli ha consigliato la cura preventiva di | chinino, perciò ne ha preso 5 o 6 grammi.
[5] Riguardo poi al sistema di vita abbiamo | trovato tutto diverso di quello che avevamo | immaginato. Per buona fortuna che abbiamo | trovato due coniugi Bolognesi, che ci hanno avvisati in molte cose importanti, cioè prima | di tutto di recarci a far visita alla Signora del Direttore, indi a quella del Vice | Direttore avvisandoli prima del giorno e || l'ora precisa della nostra visita, e questo si | deve usare anche colle Signore degli altri | impiegati, ma queste però dovranno prima | venir Loro da noi, sarà poi nostro dovere | di contraccambiare. [6] Abbiamo dunque fatto | visita alla S.ra del Direttore, la quale trovam|mo gentilissima, vennero in sala anche le | sue figlie, 3 simpatiche signorine, e più tar|di il S. Direttore ci fecero tutti molti compli|menti. Cenzo durante la conversazione, parlò | di quella lettera del S. Baccarini; nell'udir | pronunciar questi nomi la Signora con un | esclamazione di gioia disse che quella lettera era | di suo nipote ed il S. Baccarini era molto | amico di suo marito, domandò a Cenzo ove | fosse impiegato il S. Baccarini, il suddetto dopo aver risposto alla sua dimanda aggiunse | che era molto amico anche di suo Papà il | Sig. Direttore si è incaricato di spedire la | lettera a suo Nipote. [7] Un'altro giorno siamo | andati dal S. Vice Direttore, anche questo, e | sua signora furono abbastanza gentili. || Oltre le altre verranno anche queste due a | farci visita; per buona fortuna oggi quella | Sig. Svizzera mi ha regalato tre aranci aven|do io parlato che desideravo averli ma era | impossibile perché sono terminati, cosi posso | fare il liquore d'arancio essendo quello meno | costoso. [8] Quelle due continentali che ci sono | si contentano a star rinchiuse in casa per | non esser criticate. Le Sig. Sarde non escono | mai a passeggio, nemmeno a far le spese, | e se escono d'una porta per entrare in altra per | far visita come farebbe la S. Poli quando | viene dalla S. Mamma si mettono il cappello | e non entrano in una casa prima che abbia|no la risposta se l'altra è contenta di riceverla, | al punto che la Sig. del Cassiere è stata ago|nizzante ma al suo letto non ha mai | visto nessuno, e nemmeno che domandassero | come si usa da noi se le occorreva qual|che cosa. [9] Io perché sono andata All'ospedale per prendere del chinino fui rimproverata da tutti || oltre fui criticata per una settimana, il far|macista mi chiese con molta meraviglia | perché io ero andata mentre potevo andar | alla cantina a prendere una serva, oppure | mandar una guardia, nel ritorno senti | rimbrotti dalla cantiniera, e gli'impiegati | criticavano Cenzo perché m'aveva mandata, | sappiano però che l'ospedale è lontano dalla | nostra abitazione 5 minuti. [10] Non è forse | cosa da ridere? Io invece voglio combattere tutte | le Loro pettegolezze, esco di casa quando | mi pare, e il più delle volte in velo, quan|do mi vedono co' miei pacchettini nelle mani | sembrano scandolezzati. [11] Domenica siamo | andati alla spiaggia del mare coi cavalli dell' | amministrazione, ci siamo divertiti molto, | siccome il mare era agitato Cenzo si divertiva a | farsi bagnare dalle onde. [12] Qui alla cantina abbiamo | il burro a £ 4 al Ch. mo il lardo £ 1.80, il caffè bruciato | £ 6 il zucchero £ 1.65, il formaggio che da noi si pagava | £ 2, qui £ 3.40, formaggio sardo £ 2.50, la | miglior economia è la carne che costa £ 1.20. Termino | salutandoli tutti affettuosamente, tanti baci alla | cara Elvira Cicino favoriscano tanti doveri | alla S. Poli, e S. Maestro di nuovo tanti baci | dalla loro Aff.ma Teresina | Tanti saluti alle S. Zie d'Irma e altri parenti

La cara Elvira quando mi scriverà due righe è forse già andata a Irma? | abbiamo ricevuta anche la sua cartolina e la mia l'hanno ricevuta?


Luogo di destinazione: Marmentino (BS)
Missiva autografa. Marmentino (BS), Archivio parrocchiale, Carteggio Zubani, b. 2, fasc. 72.
Lettera di fogli bianchi con righe di color azzurro. Inchiostro nero, eccetto le sottolineature in matita nera. Dimensioni 21x15.5 cm.