35. Viviani, Raffaele a De Maio, Maria

?, 16 febbraio 1942

16. 2. ore 22.
Gioia. [1] hai fatto un po' di strappo, con l'amata nostra "francobollino"? Comunque state alla Bella Firenze col riposo e col ristoro allo spirito e alla persona. Qui, giornata piovosissima che mi ha rovinato anche l'incasso. Sono a scriverti mentre Luisella si è addo[…] chiata sul divano stanca. la radio suona ballabili e canzoni esotiche sentimentose! La stufetta tiene in silenzio il suo rosso tepore.. e io mam[…] a[…] tiello 'mammariello tuo sta con te. al pranzo stavo solo! ma la folla di pensieri mi teneva desta la mente! [2] Ho ricevuto il mensile di […] ppierto 500 lire, il resto se lo ha tenuto il portiere. Oggi ho chiesto alla figlia di Massera quando andavamo via, mi ha detto domani, vengono a ritirare la roba e dopodomani partiamo. volevo subito comunicarlo a Botti ma il telefono […] .. le sue cose il che, poverino non sono nemmeno mensili ma giornaliere! [3] Scusa come scrivo, ma da sopra a una spalliera, con una penna che tenta a rimanere senza l'essenza, restando senza […] || [4] Di Vittorio, nemmeno l'addore! Spero che stia facendo belle cose. ma nemmeno una cartolina? Era sceso Buccino per sapere della sua sorte. gli dirò ciò che già sai! Una frase che mi è scappata scrivendoti: "Quando sono partite? mi hanno risposto: stammatina!" Stasera, dormirò pensandovi!. le siringhe me le fa il Dottore gli ho portate le scatole. stai serena. 11 giorni ancora di "emorragia" pecuniaria, e poi mai più rischierò fatica e soldi.: e non potrò rimanere senza guadammià la vita! [5] Fate cose belle. Penso come i cari piccoli avranno fatto festa alla zia venuta e che gioia vi avranno procuratte a Milena, Signora della grazia e dell'ospitalità. bacioni ai ragazzi. affettuosità alla Coppia di Maio! e alla mia Signora che sta colla figlia prediletta
Raffaele

Missiva autografa.