22. Viviani, Raffaele a De Maio, Maria

Milano (MI), 19 novembre 1941

Milano
Ore 23- del 19. Nov.
Amore mio.
[1] Ho finito adesso adesso di lavorare la commedia piaciutissima sempre più siamo scesi un po' stasera. ancora 500 lire a noi c'erano spettacoli di richiamo negli altri 3 teatri. hanno fatto 11.000 ciascuno! Un avvilimento. Gaetano è venuto.. ma per dirmi che il 29 corrente si devono pagare le tasse per l'iscrizione a gli esami. la prima rata.. io calmo. Porta prima la cartolina che ti è venuta dal distretto di Napoli.. vediamo prima per il soldato… perché se tu non fai il soldato, e non ti dimentichi di quella.. io le tasse non te le pago […] e già sono quattro mesi che vivi lontano, e mi costi migliaia di lire.. per fartela dimenticare ma tu, continui come prima || sembri un disco guasto giri sempre sul medesimo rigo.. tasto.. se non farai il soldato e non lasci a quella.. non farai nessun esame per conto mio e vivrai per conto tuo… questa volta è la definitiva.. Ora devo lavorare vattene e mi ha detto Clemente che quasi piangeva! Non capisci? che politica?.. di stanchezza vorrebbe fare tutto, meno che il soldato, laurearsi a spese mie, mangiare a spese mie.. e realizzare l'infamità col mio beneplacito || Bada, che io lasciando milano e non lo vedo vestito da soldato.. dirò a Novi che non pagherà più… noi non gli mandiamo niente, e farà quello che vorrà, voi gli chiuderete la casa, e andrete dal questore a denunziare tutto. ho fatto una lettera per questo puzzolente! che è mosso da quella perfida baga[…] bagascia con una petulanza che è criminale e pietosa insieme. mi ha pigliato per nu fesso sul serio! sarò uomo come lo sono stato in tutte le cose della vita mia. a domani || [2] Quando ho sentito il bollettino che non c'erano stati morti.. e danni di scarsa importanza.. ho pensato che non era il caso di telefonare. speriamo che ora starete dormendo. Amen! quel vigliacco si sta mangiando quello che io non mi guadagno, studiava se era il figlio buono ma stava a casa come c'è stato per 20 anni.
[3] Ore 13. del 20.
Da poco ci siamo parlato, ho visto Novi. Partono alle 8 ha telefonato a lui, che non vuole perdere l'iscrizione, che scade il 29. Novi gli ha detto che io non intendo laurearlo per poi darlo alla sua amante. L'esperimento della dimenticanza e farlo stare lontano da lei non ha dato risultato […]

Missiva autografa.