20. Viviani, Raffaele a De Maio, Maria

Genova, 8 novembre 1941

Genova
Ore 8. dell'8 novembre
Amore mio, [1] mammà mi è venuto in sogno ma viva rossa, sorridente... e con fermezza nella voce e nella mimica mi ha detto di giuocare e mi ha detto i cinque numeri, scandendoli e qualcuno me lo ha ripetuto... ma con una volontà e una gioia nella voce, come soddisfatta di pot potermi fare bene e lieta per poter essere riuscita a comunicare con me dall'altro mondo per darmi i numeri. Mai come adesso mi sogno a mamma così bene e così viva, svegliatomi ricordavo lucidamente i cinque numeri e li ho scritto sono sceso a giuocarli, e ho fatto anche la quaterna, solo per Genova, 20 lire e poi l'istesso biglietto per tutte le ruote 40 lire, ma col terno. Poi sono andato in chiesa per fare recitare una messa all'anima sua, ma il padre dato che tutto novembre era già impegnato ha guardato il suo quaderno e mi ha detto: il 5 Dicembre alle 9. Pensa che il primo numero che mi ha dato mamma, con le dita spalancato, perchè io lo ricordassi bene: è proprio il 5! e il sogno mi è venuto all'undecimo mese dell'anno novembre 11, mi ha dato 15 (santa Teresa) || gli altri due sono 6. e 28. Quando arriverà questa mia è il meriggio di domani. Certo, trascurare questa cosa per tutto quello che ho sentito e per le circostanze nella quale questa visione mi è apparsa, sarebbe stato un delitto, ho giocato, come obedire a una volontà di mia madre che imperativamente me lo ha imposto. Se non accadrà niente.. la ringrazio ugualmente perché una volta mandava i topi dalla stalla per non farmi offendere.. così c'è lei che pensa per me, sempre per farmi del bene, e mi sorveglia. Ho passato una mattinata in questa mistica visione, la realtà è che però ho preso 1000 lire, con un ventaccio e stasera, che la giornata è bella, spero di fare di più, da domani a Pavia, ove faccio sabato e Domenica / ci parleremo con l'aiuto di Dio. [2] Ieri ho cacciato 800 lire, e andremo domani a Pavia e con due giorni scoperti, ma piglieremo 4000 || lire in due giorni e faremo un mattine anzi il serale per conto nostro, ma il meglio è vicino: e diceva: quella che ruzzolava per la scala: non andrà sempre così.. io aspetto il pianerottolo […] cos[…] espresso qui aspetto alle tre, baci a più tardi

[…] or[…] cara grazie e ricambio. stai a quello che ti dice De Pasquale circa le donzelle baci Raff

|| [2] ore 17
Amore mio: io abito a Sanpierdarena, ho solamente pranzato ieri da i Pasquarè, i quali, in questo momento mi hanno fatto pervenire quì il tuo espresso del 6. Ora leggo che per due giorni scrivi a casa Pasquarè ora immediatamente mi vesto, mi metto in tram e vado a Genova da Pasquarè, per vedere se il tuo del 7 è arrivato o pur no, ci metto un oretta andata e ritorno, sta bene tutto quello che mi hai detto e quello che hai fatto. Domani Sabato e Domenica sono a Pavia, tu sai dove trovarmi || [3] Non ti deprimere, pe carità, le bombe, solo, quando arrivano, possono fare deprimere, a chi si trova per istrada, ma gli allarmi.. no ormai ci dovremo abituare, fino all'arrivo della certa vittoria e ci deve trovare arzilli e pettoruti: Stagni ha già mandato a Vittorio un resoconto diritti fino a tutto ottobre, tu mi dici che Capriolo mi vuole, si vede che risponde alla mia istruzione che diedi a Stagni. Vittorio stesso con questa nota esplicativa può andare da Capriolo e farsi fare un vaglia diretto a me. con la cifra che si trova gia nelle sue casse… una quindicina di migliaia di lire già può darle. baci baci baci, curati, per te, per me, per tutti e due: baci Anelanti Raff

Raccomanda a Vittorio che non si facesse dimezzare i suoi diritti da Pulici[…] , ormai è lui che fa luce per lui e questa luce la ved deve vedere..

baci R

Missiva autografa.