28. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], ante 31 dicembre 1919

Caro re vittorio emanuele III
[1] anche te guarda di fare cessare
questa guerra quanto prima
sia possibile, perché siamo già
stanchi e non vogliamo perde
più inostri cari figli, che neà
bbiamo già persi tanti, abbi
un poco diquore anche
te altrimenti tileveremo dal
mondo anche te e ti faremo
catavere al pari denostri figli
perduti.
[2] Intendila una volta altrimen
ti guai a te.
Ora sistà aspettando il resultato
di questa lettera, e se non farai
cessare la guerra: te come capo
supremo di tutta l'Italia: sarai
ucciso:
Se non sono buoni di uc
cidirti gli austriaci: t'uccidere
mo noialtri Italiani.
Bene intesi se ti preme
lavita ||

Assuamaestà Vittorio Emanuele III Re d'Italia


Missiva autografa.

(Firenze (?)) allegati:(?)