20. Copercini, Argenta / Copercini, Livia / Copercini, Nerina a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

Besenzone(PC), ante 2 agosto 1918

Egregio Signore,
[1] le scrivo queste righe
per dirle che se non finirÓ
la guerra vedrÓ che cosa le
faremo, le taglieremo il collo, le
faremo tutti i dispetti che potre
mo, lui alla camerÓ ed alla
sua famiglia. E noi sarelle
non abbiamo paura n di
lui n dei carabinieri, ne dei
marescialli, di nessuno.
riverisco e deve mandare
in Italia i miei frattelli.
riverisco.
Sue
Copercini
Livia, Argenta, Nerina, sorelle
siam tutte sorelle
Besenzone P.cia di Piacenza ||

Egregio Vittorio Emanuele III Re di'Italia
Roma
Capitale d'Italia


Missiva autografa.

(Corte(-)ggiore (Piacenza) 2.8.18) allegati: Min. Int. 9 settembre 1918; Pref. di Piacenza 4 ottobre 1918