13. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], 11 febbraio 1916

11 Febbraio 1916
A.S. Maestā il Re
d'Italia
[1] Aprite gli occhi, o Maestā,
e guardate in qual baratro, in
quale abisso si tenta ancora
di cacciare voi e l'Italia
dalla fatale e misteriosa
massoneria col dichiarare la
guerra alla grande, all'invincibile
Germania!
[2] Questa mia non vi arriverā,
perchč siete attorniato dalla
camarilla interessata di suc
chioni e fannulloni, che vi tengono
all'oscuro della veritā e dei
dolori del popolo!
Questa guerra, per la quale
al cospetto di nemici ed alleati
siamo dei traditori e dei fedifagri,
č la rovina d'Italia, perchč
condurrā alla rivoluzione-
Un italiano fedele al suo Re- ||

A Sua Maestā il Re d'Italia Vittorio Emanuele III
Zona di guerra
Personale


Missiva autografa.

(Padova 11.2.16 - Posta militare 13.2.16) allegati: Min. Real Casa 21 febbraio 1916