46. [Anonimo] a [anonimo]

Milano (MI), 21 aprile 1918

Milano li 21
4
18
Egr. Onorevole
[1] Ma quando avete intenzione di farla finita?
non vedete che oramai anche i cechi lo
vedono il terreno che voi seminate e sterminate
ancora la povera gioventù, è inutile che
mettete nei giornali che i soldati d'Italia son
fieri di battersi coll'odiato nemico, chi e il
nostro nemico?[2] non i Tedeschi generosi non gli Austriaci traditi, ma bensi
voi siete il nostro nemico, chi mi
incitate allodio con quella povere
gente che fino adesso mia dato pane,
e non vi siete ancora vergognati ti
mandarmi allestero asfamarsi, poi perché
avete avuto guesta occasione, di rubar
tanto senza essere scoperti,[3] ora persistete
nella vittoria, veloderemo la vittoria
brutti mascarzoni da maccellai ingre
tiniti.
Ditemi unpo; dove è tutta guella famosa
alta aristograzia della vigliacca ditalia
dove si trovano, dove sono guelli che
anno soldi, i preti, vostri figli guelli
del famoso Salandra, ecc.[4] son stato
anche io allospidale 75 giorni con la
febbre reomatica e castrica con lusinge,
poi mi anno fatto sortire con 5 giorni
di riposo e al fuoco subito, poi ferito
un mese ad una coscia poi al macello
subito, un altra volta 57 giorni di
malattia che momenti perdo la
vita perche poco d'occhio col capella
no del carnaio non sono nemmeno
sortito ed al fronte subito retto da
due amici,[5] perché non mi tenevo
in piedi non esagero fate che imiei
cari muoiono di spasimi e di soferenze
poi la vedremo come andra a finere
Gredete voi con guesti inudili di andar bene?
si, vi ingannate, metetevi in salvo prima
che lora scocca peggio che la Russia mi
dispiace che guesto è forsi prossimo.
Altri che dire che ivigliacchi che appartene
vano alla seconda armata si son rifiutati
di combattere, ed è per guesto che gli
[6] Ustro Teteschi anno in vaso? io non
o mai avuto il pensiere di morire e nem
meno gli altri? dove si trova il valoroso
Cadorna il padre del macello e Porro sence
ro, i Brusati- De Chiuserunt ecc. con
Bonacossa, A!! ora ci siamo -
Son contento di morire, ma vi racomando
di mettervi in salvo che è dificile che voi
e tutti ivostri coloburatori di torture, che
vi trovate un rifugio sicuro ladri altro
che dire che il nemico butta manifesti per
levare il morale dei soldati,[7] no è vero
che mi avete sempre venduti per fare
dei miglioni, o parlato insieme io-
Leggete solo il processo di Paolo Baschi
cosa lia ha detto suo fratello M.S. ai giurati
francesi per la difesa del suo cara
Se laustria pago 50 milioni per
conguistare il piano di bansizza
perché l'al- chi apigliate
guesti soldi- isoldati della 2ª
armate forsi?[8] Turati forsi Mondigli
ani? Treves? a:- ditelo a Bisolati
e leroico d Anunzio, che guestoro son
dei delinguenti, io perche non sono un
delenguente non mian mai seguestrato
le sedie e ora voi li comparite come
eroi obbiamo tanto esempio basta?
9perché sempre guelli al fronte non
si può aver il cambio una volta?
voi che volete la vittoria andate unpo
coi pidocchi e fama e piceggio
Volete che lo facciamo finire noi
date un solo segno di questa mia
domanda che lora sta per sonare! ||

Missiva autografa.

(*Milano 21.4.18) allegati: Pref. di Milano 1 giugno 1918