40. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

Milano(MI), 6 dicembre 1917

Milano 6 dicembre 1917.
Vittorio Emanuele 3º
[1] Tante volte un ignorante ci arriva dove un
uomo dotto non ci arriva!!!
Vostra Maestà si ricorderà del predetto motto
che vi fu scritto anche prima della perdita di
Udine e compagnia!!! Se fossero state ascol
tate le mie meschine parole forse l'Italia
non sarebbe al magro partito che in oggi si
trova. Lo dissi già, se si volesse preparare
al fronte la riscossa e poi la vittoria i soldati
non dovrebbero avere l'animo inacidito ed
indebolito per le preucupazioni economiche
delle loro famiglie!!!!!!
[2] Io dissi pure vi sono ministri in Italia
i quali non pensano che ad inpin
guire i loro portafogli e proccacciarsi
onori. Vostra maestà stia all'erta perché
è circondato da gente senza coscienza
avidi di onori e di ricchezze!!!!!!
Il povero è ridotto a mal partito
nelle grandi città si muore di
fame e di freddo!!!!!!!
Oltre più che i poveri diedero, e
danno la propria esistenza per lo
stato, e le loro proprie famiglie
muoiono a casa di freddo e di
fame. [3] Tutto ridonda sul povero
diavolo che lavora tasse enormi
i generi di prima necessità
sono saliti a prezzi favolosissimi
e sopra più non si trova, ne
lardo ne riso ne olio, insomma
è una vera penuria il vivere.
Perché non obbligano i milionari
a sborsare almeno la metà
dé propri milioni se questi
vollero la guerra???
Perché non si vedono i ricchi
a sostare davanti alle botteghe
per avere un etto di lardo, un
chilo di riso ecc???
Perché essi ebbero il campo
di farsi le proprie scorte
di ogni ben di Dio!!!!!!
[4] Ora che tutto è partito dall'Italia,
ed ora che i ricchi fecero le
grandi scorte, ora dico istitui
scono le tessere!!!!
Ma le tessere si sarebbe
dovuto istituirle prima o per
meglio dire all'ignizio della
guerra così i ricchi non
avrebbero poputo fare le esorbitanti
scorte.
Ma ormai i popoli sono
stufi e ristufi la vita è un
peso, e costosa nientemeno
che sei volte al doppio di pochi
anni fa. A Milano si
muore di freddo e di fame.
Il sangue di Torino dovrà
essere vendicato come fu
vendicato il sangue versato
a Milano nel 1898!!!!!!
[5] Tra non molto a Milano
dovrà succedere un'enorme
rivoluzione, ed i Lanceri(?)
sono a Milano per sparare
su questi!!!
Loro in Tracia pagano il
vino una lira al litro noi
due lo zucchero in
Francia è a L.1.40 al chilo
noi a Milano è salito
quasi a quattro lire!!!!!!
L'Italia deve andare a
bricciole vedrà se non è
vero, perché non si proteggie
chi avrebbe il diritto cioè chi
lavora
Ivviva L'Austria e
la Germania ||

Sue proprie mani Urgente
Documenti
A sua Maestà Vittorio Emanuele III Ré d'Italia
Comando Supremo
Zona di Guerra


Missiva autografa.

(*Milano 6.12.17) allegati: Min. Int.. 29 febbraio 1918; Pref. di Milano 17 marzo 1918