9. [Anonimo] a Regina Elena di Savoia

[s.l.], ante 29 maggio 1915

[1] Con inusitato e grande
ardire, rivolgo a V. Maestà la presen
te, perché spero che essa venga, con
più probabilità, presa in considerazio
ne. Maestà, le coste del nostro A
driatico sono infestate da un numero stra
grande di spie, travestite da frati, da pastori,
da donne e da touristi. Esse comunicano
col nemico, chi per mezzo di fogli bianchi, scrit
ti con inchiostro invisibile e che nascondono
sotto piccoli cumuli di sabbia o di pietre
tinte in colori prestabiliti, chi con razzi co
lorati o con fuochi apparentemente casua
li. [2] Maestà, molte delle spie arrestate
avevano passato per due o tre volte il con
fine e consegnato ad incaricati tedeschi,
importantissime fotografie e schizzi di ope
re difensive e di fortificazioni.
Il Teutone ne possiede un fascio
riguardanti la Penisola da un capo all'altro
e se non verrà sventato in tempo il
suo piano di guerra, in esso si vedrà
manifesto l'opera infasta dello spionag
gio.
[3] Milano sarà bombardata prima del
15 maggio o appena gli aviatori saranno
pronti, e le prime bombe incendia
rie e asfissianti cadranno nel Duo
mo. Io non sarò un minuto più
tranquilla fino a che non leggerò che
fino all'ultimo suddito dei nostri ne
mici, tutti sono stati internati, come
fece, troppo tardi l'Inghilterra. Sarà
questo l'unico mezzo di salvare la
nostra Italia dalle sciagure che le
sono state minacciate e che verran
no attuate per lo aiuto dello spio
naggio. [4] Diffidare singolarmente degli
operai stranieri e delle donne.
Maestà!
In nome della nostra
adorata Italia, per la Sua gloria passata
per la Sua Vittoria avvenire, in nome
di Dio che ci ascolta, scongiuro Vostra
Maestà di far prendere in immediata
considerazione quanto sopra. Io non
sono né una squilibrata, né una vi
sionaria e Dio non voglia che pri
ma che giunga questa mia in Ita
lia, qualche fatto grave sia già suc
cesso!
Con i sensi della più profonda
devozione e fedeltà, passo a ripeter
mi
Di Vostra Maestà Reale
Umilissima Suddita
Una donna italiana ||

A Sua Maestà La Regina Elena d'Italia
Roma


Missiva autografa.

(Lawrence Mass. 29.5.15 - Roma 13.6.15) allegati:(?)