59. [Anonimo] a [anonimo]

[s.l.], ante 31 dicembre 1919

[1] Maledizzione d a voi altri che
regnate!!!!!!!!
la volete finire o no? non ne possiamo
più. Maccheroni neri a una lira pane
per i cani cent 50 olio 4 lire allitro su
gna a lire 6 lardo a lire 6 e non se ne
trova carboni a cent 40 il chilo
le pumidare a 2 lire i faggioli 160, il
chilo per fare un sol piatto di pasta e
faggioli e un po di pane ci vogliono
lire ed acqua e per pagare il pig
gione ci vogliono lire 15 al giorno rima
nendo scalzi e lignudo vergognia per
l'italia che languiscie di fame e voi
mangiate e v bevete e fate lusso
e alla faccia dei sudditi, ci siamo sfa
stiditi non ne possiamo più vergo
gnatevi [2] scifosi che siete, voi vi vole
te ingrandire, e i nostri figli e ma
riti muoiono, perché se non mo
rissero non chiamereste ch classe
di soldati appresso appresso poveri
voi, abbedicate che poche cimporta
chi entra entra, che entrasse
l'austria, che intrasse la germania,
che entrasse il Francese, che entrasse
qualunque nazzione poco cimporta,
purché ci ritornano i nostri figli
e mariti, ci fate schifi non vi
vogliamo più ci abbiamo il [3] re di
merda
il re che fa il pupazzo il in
mezzo a tanti camorristi, e tu
e tuo marito siete i capi del
la cammorro, vergognati stra
niera che sei ci mancavano
principesse in italia se andate
apprendere una cozzeca nera
senza cuore, manda tuo fi
glio in guerra, no telo tiene
con te perche ti fa pietà,
manda tuo marito, nò per
ché ti dispiace, mandali a com
battere come combattano
i nostri figli e mariti, an
datevene fate intrare q chiun
que che poco cimporta siamo
contenti, mai possono essere
come voi canaglia, ne ca
ciastae a [4] Borbone che perché?
noi stavamo bene ritira
tevi nella vostro piemon
te di cornuti, e queste ci
avete portate anche anoi
le corna e la fame e non altro
vergogna uscite uscite sia
stanchi non ne possiamo
più, aumentate centesimi
50 al gorno per i ricari vi
veri che ne dobbiamo fare
se ci vogliono 15 lire al gioro
per mangiare un piatto, e stare
scalzi e col culo da fuori
e cuesta e la grandezza della [5] nazzione,
la vita e per voi altri
e per le puttane protette
da un simile governo
scifoso, non sai fare il
re e vattene non ti
vogliamo più, neanche
per nostro cittadino
ci fai vergogna, perché
il regno delle due sicilie
e state sempre onorato
e bono buono sotto il Bor
bone, e tu ci ai leva
te onore e sanque e dana
ri e ci moriamo di fame
sotto questo governo di mal
fattori, icornuto contento
e così ci ai fatti essere
pure a noi col mettere
le [6] donne da per tutto
simile alla tua razza,
perché ti semprava but
brutto che tu e la tua raz
za eravate cornuti edi i
tui sudditi nò, pensa che
la tua sorte sta imn ma
no a noi!!!! che tu tratti
a calci!!!!!!
ma che ti credi che il popolo
non la capita le vostre infa
mie, tanti poveri figli, e ma
riti morti, mutilati, ciechi,
non più buoni ne per loro ne
per il mondo, solo il cuore di
tua madre e quello di tua
moglie nonve deve essere feri
te da nessuno dolore, perché?????
non sono donne come le
le nostre [7] Madre e le nostre
Moglie, penzaci bene che
stai nelle nostre mani
cioè quelle della tu popo
lazione, che poco cimporta
di chi ci governa, tu resterai
al trono a quet questi patti,
deve finire la guerra, come
voi altri avete messe i cartel
li per l'italia, con queste mise
rie che chiamate pure aiute dal
la popolazione vergognatevi!!!!
debbono ribbassare i viveri come
una volta i piggioni, che dicono
di aver fatte le case economiche
ma dove stanno?!!!! [8] lanno fatte
per le loro P puttane, dai una
casa per ogni tuo operaio perché
ne ha bisogno, per i tuoi impiegati, e
senza parzialità a secondo la famiglia,
devi togliere tutte le donne
impiegate ed operaie, e deve
obblicare ai capi di amministrazzione
private di togliere le donne altrime
nte pagano grosse multe, uomini e
donne don debbono stare unite
se vuoi fare il ré questo devi fare, senò abbasso
perché tu già lo sai a quante
cose sono soggetto, il marito al
fronte e b le moglie incinte,
e tu non ci metta ripare a que
sto, il [9] padre che combatte e la
figlia disonorata, dai tuo che paghi che manne come superiore, come può com
battere il soldato a questo pensiero
del dissonore????? rispondaci animale,
che un giorno era onorato ed
oggi cornuto per causa tua??
se lo potesse ti ammazzareb
be altro che difenderti!!!!!!
Oggi noi popolo che sappiamo
tutto questa difendiamo i nostri figli
non possiamo soffrire che che questi
combattano e le m nostre muore
e le nostre [10] nipote le fanno le corna
con la vostra scifosa protezzione ver
gognatevi di starea capo di una popolazio
ne, che e stanca!!!!!
finiscila di fare il capo dei cammor
risti o fai tutto quello che ti abbiamo
citato con premura o pure faremo come la Russia
tene cacciamo e ci governiamo
noi e si economizzano tanti milio
ni allanno che vi pigliate fate il maz
zo grosso, e noi ci dimacriamo gior
no per giorno senza pietà, e così
tratteremo a te con la tua scifosa
[11] famiglia, perché sei un nostro servo
perché ti paghiamo, perciò i padroni
(sbrigati e guai a te penza che sei servitore del popolo
e tene cacciamo come un cane a calci in culo)
quando non gli conviene tenere
un serve lo caccia via così faremo
noi popolo con té, chisà qual gior
no ti alzerai dal tuo comodo letto,
e sentirai il grido di abbasso l'italia
viva la Repubblica Viva Viva
Abbasso i cornuti che così
vogliono li i lori vostri Padroni
voi altri siete tanti servi che
vi paghiamo e dovete stare ai
i nostri ordini abbasso chi ci
governa male, vergognatevi, i
nostri [12] Figli i nostri Mariti non
ci verranno contro invece ci aiute
ranno a cacciarvi che state facen
do dei suprusi contro la popolazione
senza pieta, vi vogliamo vedere
piangere anche a voi un poco, che
non conoscete fame, ne dolore, ne
andare scalzi, e andare col culo da
fuori, ne a stare lontani dai vo
stri figli; vi faremo provare tutto
questo, incominceremo a mettere
la tua bella moglie in mezzo ai
nostri Figli, le tue figlie e li fare
mo sazziare un poco, come tu stai fa
cendo sazziare, con le nostre [13] Moglie
e figlie, e li faremo soddisfare alla
tua presenza, bada di prendere i provve
dimente su tutto questo che ti abbiamo detto
e subbito senza induggio aumenta la giornata agli operai perché soffono la fame
altrimenti guai a te!! pensa che sei
il nostro servo, ribassa le tasse delle
scuole come una volta pensa che anche noi sia
mo padre come a te, e il popolo che chiede i suoi
diritti ||

Missiva autografa.

t.post.(?) allegati:(?)