19. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], ante 11 maggio 1917

Eccelenza e Maestà.
[1] Si rende noto; per le tante
caiuone che quelli spuderati
di imboscati hanno la creti
naggine di fare, in trincea i
poveri soldati soffrono la fame
tanto più sulla camia e
sulla Fronte Giulia.
Maestà, saprà quanti sacri
fici facciamo e la fame accom
pagnata da mille altre sof
ferenze ci rende addirati.
provveda alla più assidua vi
gilanza, d'altronde i soldati
stanchi da una si lunga mar
tirizzazione un giorno o l'altro
succederanno cose poco
gradite già tanti reparti
si danno prigionieri e tanti
fanno una mezza rivolta.
[2] Pensi e sia più calmo a dare ordini
Lei e Cadorna e si ricordi che
ha il comando supriemo di tutte
le forze, al fine di guerra di
graziare tutti quei poveri
soldati condannati per
sua causa e del governo rispon
sabili di tanta carneficina e
sia un po' più pietoso verso
i suoi figli e della patria
che soffrono e muoiono se
vorra passarsi una vita
libera dopo guerra se nò
pagherà il fio dei suoi
delitti;
[3] I soldati sono sfiniti soffro
no la fame i borghesi le
povere madri e spose nella
miseria e creda pure che la
Maestà vostra ne pagherà
in sieme col governo birbante,
ingiusto il fio.
Quante ingiustizie
quante vigliaccherie si
fanno nell'esercito Italiano
i poveri, e i vecchi stanno in
trincea e i giovani stanno imboscati nei servizi, nelle
retrovia. Si metta una mano
sul cuore e sulla coscienza
se cellà e faccia e faccia fare
un po più le cose giuste.
[4] So che questo foglio verrà
strappato con disprezzo da chi
lo legge sia pure S. M.
ma però si ricordi o dinastia
Regnante che si vigila assidua
mente sul suo conto
e ci faremo un po più chinare
la testa quando sara il tempo
di fare il valoroso.
Ogni giorno il Suo
comando trema e sta per
cadere ci pensi e si metta
una mano sul cuore ed
eviti tante cose incivili
commesse. L'Austria Regna
L'imperatore della forca ed
in Italia della fucilazione
Vile. Vigliacco
Lamberto ||

Missiva autografa.

((?) 11.5.17) allegati: Presid.za del Consiglio dei Ministri 13 giugno 1917; Min. Int. 1921 26 giugno 1917