18. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], ante 30 aprile 1917

Re Vittorio Emanuele
[1] Caro Cornutu, porco, ladro, e
assassino, ti meriti chiamatu,
io aiu mu ti lu dico, ca si
nu sbrigognatu, di tutti li mane
ri e tutti qualit, tu a fini
non si re si ladro di qu e di
l, voi mu v ca mo tu dico
chi rizzico aio a f, paura
di tia nu tegnu, cusi ti aiu
a chiam; sai pecch chiami
tutti quanti l'omani nu
fanno lu sordatu, guard quant
u peccatu fannu median
te a te. i levi pe morire e
dopo no li paghi vidi pec
ch si infami non poi regnari
re, pecchi su figlio chi ai
no fai pure sordato, co teni
to palazzo un poco cantiirato
dimmi si omani tutti morti
supra a si campi dimmi chi
ti curpariu, tu ladro di tanti
anni: quandu volivi a guerra
tu e li tuoi ministri va fa
civivu vui pezzi di camorri
sti, poi ci vidia lu coraggio
forti chi vui teniti nesciti
dintra e palazzi [2] carogni tutti
quanti viditi viditi quanti lut
ti cedi pe tutti i canti, ma
prestu tu li paghi, senti chi
ti dico io senti si vuoi mu
senti caro cornutu rio sa
nta stu misi di maio penza
cai di moriri ed una mor
ti trista penza ca lai di fari
ca lu cori l bruciatu da tuttu
pe tia assassino. la terra chi
ti vinciru nda sparti un po'
per uno, su iorno no lu
vidi ca tuni ai di moriri
si nesci dintro palazzo vai
tutto corazzato, paura non
di tegnu facci di scellaratu
ti pigliasti li vaccini e
no li pagasti giusti mo ti pi
gliasti u grano e lu stessu facisti
li pagavi pe giustu quantu
ci trovava a vindari e chistu
e l'arrobari chi tuni stai facen
du facivi tutto quali per essa
ri cuntenti. [3] i littori a li sor
dati quandu eri veru re
ci li passavi franchi senza
pagari a te e nui si li pa
gandau e pecch no li fari
veniri chi a menzu a unu
migliaru ni veni 3 venti ni
e latri tutti perzi e dinari
arrobati di tia. mentisti
li sussidii e pecch no a
tutti quanti tu quali li
arricchisci, quali ietti facci
avanti. figli su di povari,
e figli di li ricchi o tu facivi
una legge o nenti di lu tutto
e mo vai mu li aumenti
cacciala di la dia o fa comu
ti dissi tutta na legge guali
sti poco giorni di la tua
vita e pubblicallo dintro
a li giornali [4] non fari men
tari mensogni como li ai
fattu fari chi tutto fai
stampari a lu contrario e
cosi mali non di fai stam
pari meti menti sempi c
vinci cornutuni pe me
ntari coraggio ai popolari
ca si no tu a chistura non
campavi avantatila
chisti poco io soni nu
morzu di su ficatu
mi laiu di mangiari
nui simu dui sordati
la classe no la dicimo lu
riggimentu avimu molto
vicino a te e mo simu
dicisi o intra o fora u re
meglio sapevamo scrivere
questa calligrafia per
non verificare lo
scritto di chi sia
ansi per non dar occhio
veder da dove parte da
[…] e di […]
siamo, la storia lai sen
tito per tutte quelle in
giurie ora ti d i saluti
e presto civedremm
tuo caro e bravo
amico il nome
non lo dico. ||

Alla ecc.ma Sua Maest Vittorio Emanuele III Re D'Italia


Missiva autografa.

((?) - Roma 30.4.17) allegati: Presid. del Consiglio dei Ministri 18 maggio 1917; Min. Int. 23 maggio 1917; Pref. di Teramo 6 agosto 1917