39. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

Catania(CT), 8 novembre 1917

Catania li 8
11
17
Reale Maestà
[1] Come non tieni compassione
a fare spargere tutto questo
sangue per tutto il mondo
sbergognato non vedi che
infece di andare avandi vai
indietro, sbergognato tinto
e paschino perche non vai la
pace infece da insisteri a fare
tutto questo da uno grande
non ti vedi che sei un
pulcinella e curnuto che
prima da morire io voglio
sentire così: -nel giornale:-
Ammazza du Re
Sarruso cu tutta la so tinta
famiglia? [2] Senti come
non tieni compassione arrenniti
fai la pace che si aspetta
ansiosamente in tutte le
famiglie. come io povera
signorina che da tanto
tempo aspetto il mio unica
gioia al mondo che lui
poverino soffre tanto lontano
dalla sua cara terra nativa
fai la pace che cosi saremo
tutti contenti. fai questa
carità e questo piacere
che non vedi che non puoi
vincere fai la S. pace
[3] la colpa e tua e del Generale
Cadorna che è più tristo da
te che lui infece da fare
andare avande a fatto andare
in dietro poveri figli e quando
sangue sie spargiuto per tutto
il mondo tutti raggazzi
e giovani non te lo figuri
che lui poverini sono tutti
stanchi ed or mai sono quasi
3 anni che ce tutto questo
inferno al mondo e vedi
quandi poveri soldati che
si anno fatto indietro perche
afarle passare a tutti gli
austreci perche sono stuffi
percio è inutile a fare
combattere, [4] percio ti raccomando
da alscoltare alle mie parole
perche se chi sà non vai cio
che dico io ti ferra una
mala nova su tutta la
tua famiglia insiemi al
Generale Carogna con tutti
i ministri ma tu lo so'
che quando presto morirai
ammazzato
ti tagliassi
le mani
fai quello che
dico io e nienti
altro
(scritto trasversalmente all'inizio dell'ultima pagina) hà ri
ha
morire
ammazzato
e tagliato
a pezzi
a pezzi
addio
ginirusu
da me
cori
basta che
ammazzano
a te e poi
a nessuno
addio
simbatico

Al Egreggio Reale Maesta Vittorio Emanuele III
Palazzo Reale
Roma
(sprovvista di francobollo)


Missiva autografa.

Catania 7.11.17 - Roma 9.11.17) allegati: Min. Int. 22 dicembre 1917; Pref. di Catania 28 gennaio 1918