37. Materazzo, Ciro a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], ante 19 gennaio 1917

Carissimo Sfaccima
[1] Tu si mno capoccia e
nao fetente perché non fai
fini sta guerra quanto si fesso
M Noi avicomo sperge o sangue
e tui tara pigli a terra
Tini si no sfaccima
e questo te lo dice
Il soldato Materazzo
Ciro
Va fanculo
a te e a fessa e mogliereta
che sé lo fa mette da tutti ||

A Sua Maestà vittorio Emanuelle III
RE D'Italia
Sue poprie mani
Roma


Missiva autografa.

(Altavilla Irpina (Avellino) 19.1.17 - Roma 20.1.17) allegati: Min. Real Casa 3 febbraio 1917; Min. Int. 8 febbraio 1917; Pref. di Avellino 5 marzo 1917