17. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], 22 gennaio 1916

Maestā!
[1] il popolo affamato e mutilato co
mincia a stancarsi di subire una
guerra non voluta dalla nazione,
ma, imposta dal governo con arte
subdola!
In alcune caserme, il ritratto di V.A.R. č stato fatto segno ad oltraggi
ed a invettive.
Il risentimento comincia a macchinare.
Badi alla sicurezza della Sua sacra
persona, e si ricordi la fine di Re
Alessandro di Serbia!…
La realtā odiosa
li 22 gennaio 1916. ||

Sua Maestā Vittorio Emmanuele III
Roma


Missiva autografa.

(Napoli 22.1.16 - Roma 23.1.16) allegati: Min. Real Casa 29 gennaio 1916