12. [Anonimo] a Vittorio Emanuele III di Savoia, re d'Italia

[s.l.], 8 novembre 1915

Maestà
[1] Tranne la minuscola parte dei cittadini, composta di mercenari, settari, la
dri, incettatori e grossisti, affamatori delle classi povere e medie, inclusi i de
putati- ad eccezione di pochi- che sono la emanazione di elettori corrotti,
immorali e picciotti, giacché gli onesti non si presentano alla urna, in ispecie
oggi che il Governo ha saputo accaparrarli con L. 500 al mese, sangue spremu
to dalle vene dei poveri ed ammiserati contribuenti; [2] gli abitanti di tutta la Pro
vincia di Napoli, i vecchi ed infermi genitori, le sorelle nubili, le mogli ed i fi
gli dei richiamati, per l'enorme squilibrio e sterminio arrecato nelle loro fami
glie in particolare, sotto tutti i rapporti, e per la miseria incommensurabile in
generale piombata nel commercio, nell'industria, nel lavoro di arti e mestie
ri, nonché nell'agricoltura, auguriamo sinceramente e di tutto cuore a Vo
stra Maestà, in occasione del genetliaco, la stessa fine del vostro genitore
e la distruzione per sempre dell'ultimo rampollo di Casa Savoia. [3] La qua
le, dal 1860 in poi, è stata, per i suoi decreti firmati di continue ed odiose ves
sazioni fiscali, la rovina irreparabile
di tutto il Popolo, come parte finan
ziaria; aggiungendo, poi, a questi i decreti, per ben tre volte, di tanto inuti
le spargimento di sangue e di danaro per volontà di pochi ed a beneficio
delle classi privilegiate, che hanno raggiunto l'apice della delinquenza e
della più impudente camorra.
[4] Possa Iddio scagliare contro di costoro tutti i suoi giusti e tremendi ful
mini, per così efferati delitti che si perpetrano inpunemente ed in pieno me
riggio; per tanti torrenti di lacrime che fanno versare a noi, congiunti d'in
numerevoli soldati morti che hanno combattuto, e dei vivi che combattono
tuttavia per una guerra organizzata per capriccio e per guadagno, ripe
tiamo, di noti assassini !!!…
Novembre 8. 1915- Gli addolorati parenti dei richiamati e di tutti
quelli che odiano le stragi di sangue di vittime innocenti. ||

A Vittorio Emanuele III Re d'Italia
Al Quartiere Generale


Missiva autografa.

(Napoli 9.11.15) allegati:(?)