Carteggio Antonio Porta - Niva Lorenzini
(1977-1989)

Il carteggio Porta-Lorenzini, in corso di riordino, è composto da 57 lettere (19 di Antonio Porta, 38 di Niva Lorenzini), riconducibili al periodo 1977-1989. All'interno del fascicolo della corrispondenza, conservato presso il Centro Apice (Archivi della Parola dell'Immagine e della Comunicazione Editoriale) di Milano, sono tuttavia comprese altre 8 missive, di cui non si fornisce il testo: la prima, di carattere strettamente personale, viene inviata da Porta a Niva Lorenzini il 3 giugno 1982; nelle altre due (rispettivamente del 24 luglio e del primo settembre 1986), Niva Lorenzini e Rosemary Ann Liedl, moglie dell'autore, si scambiano informazioni relative al problema del difficile reperimento dei numeri della rivista «il Verri»; le restanti cinque, infine, sono quelle che, alla scomparsa di Porta, le due donne si scrivono tra il marzo 1990 ed il maggio 1993, aprendo la lunga e affettuosa conversazione epistolare che ancora le unisce nel ricordo del poeta.

Ispirata a criteri strettamente conservativi, la trascrizione rispetta maiuscole, interpunzione, grafia e distribuzione dei capoversi dell'originale. Non è stata tuttavia qui operata alcuna distinzione tra virgolette di "citazione" (sempre doppie nell'usus scribendi di Niva Lorenzini) e allusive (singole).

Alcune lettere, benché sotto dettatura di Antonio Porta, sono state battute a macchina (con una Olivetti automatica) dalla moglie Rosemary Ann (nn. 28, 39, 40, 44, 46, 47, 50, 51 e 54).

La trascrizione delle prime sette missive da Antonio Porta indirizzate a Niva Lorenzini (nn. 1, 3, 5, 6, 8, 10 e 12) è stata condotta sulla base delle riproduzioni che la destinataria ha gentilmente concesso al centro Apice.

Edizione a cura di: Anna Maria Salvadè (trascrizione, codifica AITER)

torna su torna su