92. Z., Giacinto a Z., Regina

Offenburg (Germania), 21 maggio 1944

Moglie [1] vengoa te, fandoti sapere che io sto bene, e con piacere intesi sula cartolina che o ricevuto dai genitori che tuti voi state bene, o spero poter rimanere qui al ospitale quisto bene, qui o fato an|che Pasqua ce capelano , e la chiesa, [2] ti ripeto che o ricevuto i 2 pachi col buono 2 croce rosa, nei pachi potete metere un folio con la lis|ta di ciņ che contiene dentro, Moglie non pensar di me che io sto bene, un po' spisa i denti ma per que|sto non si muore, e preghiamo la Madona che la fenise presto, Mo io di quore ti saluto te, mile baci ai cari bambini, saluti Genitori, e frateli

Luogo di destinazione: Susegana (TV)
Missiva autografa. Milano (MI), Fondazione Memoria della Deportazione.
Lettera.