49. C., Giovanni a C., Pietro

Rocche di Bettola (PC), 10 settembre 1944

Carissimo filio [1] rispondo la tua lettera sento l'ottima tua salute come e anche di noi non penzare per noi che dio ci aiuta anche piu che mi credevo, [2] abbiamo trebiato in questi giorni di frumento ne abbiamo preso 40 staia tra del nostro e della parte di f., se avesti grazia venire a casa ce ne anche per tè ma non viene mai lora per noi tanto desiderata del tuo ritorno. speriamo sempre che Dio ci aiuta come ci a aiutato fin ora ti prego di non pen|zare per noi, di frumento nei filagni di F. ce ne erano 19 staia ne abbiamo qua si 10 ciascuno, tanti saluti dalla nonna e da noi tuoi genitori Giovanni Domenica

Luogo di destinazione: Moosburg an der Isar (Germania)
Missiva autografa. Milano (MI), Fondazione Memoria della Deportazione.
Lettera.