170. R., Giordano a R., Vincenzo

Schwalmstadt (Germania), 10 dicembre 1943

Carissimi Genitori
[1] Con molta gioia vi scrivo di nuovo oggi per farvi sapere delle mie notizie che sono sempre buone come spero delle vostre. [2] Dove mi trovo, mi trovo bene e il freddo non č eccessivo in riguardo alla stagione che siamo e con farvi del cattivo sangue che per il freddo non stiamo male e di notte nella camerata fa un calore e soprattutto io, dormo vicino al calorifero. [3] Come vi ho gia detto sulla mia ultima spero che il raccolto sia an|dato bene. [4] Spero che Gianni sia bravo e che studia bene a scuola e spero che presto potro riabbracciarvi tutti e tornare per non pių lasciarsi. [5] Fate i miei saluti a zio Carlo e famiglia e alla Mamma Lina e zia Irma. [6] Cara Mamma il mio pensiero e sempre diretto verso te e quello che ti raccomando e di non piangere e non farti del cattivo sangue. Vi auguro di passare delle bellissime feste di Natale e del primo dell'anno. Quando mi scrivete fatemi sapere un po di notizie da casa. Ricevete tanti saluti e baccioni. Vostro figlio Giordano

Luogo di destinazione: Trina per Ghevio (NO)
Missiva autografa. Milano (MI), Fondazione Memoria della Deportazione.
Lettera.