98. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 26 giugno 1505

Inlustrisima et ecelentisima madona, [1] al presente m'atrovo a venecia sano, dio laudado, e questo tenpo che sono sta' fora, la magore parte sono stato con la ecelencia de madona duchesa d'orbin e li ò auto fadicha a partireme, ché quela voleva che li stese questa 'stade e da quela ò receputo tante carece che seria un longo scrivere a darevene noticia de una particela e a quela resto in eterno obeligatisimo. [2] E foi a roma e fece la diligencia de li guanti d'ocagna, non trovai cosa buona: queli pochi che veneno sono de spagna o de napoli e non se vendano, sono presenti. Trovai la marchisanna de cotron la quale se recomanda asai ala ecelencia vostra e così madona felice.
[3] Esendo io a ravena per venire a mantova a fare reverencia ala mia inlustrisima madona, trovai dita ravena esere bandita da mantova e da ferara per la peste che me trovai de mala volia e così con questa non m'è parso de venire da quela che ne aveva da rasonare de molte cose. Non altro per questa, recordando ala mia et ecelentisima madona che lorenco si è vostro fidelisimo servo e senpre paratisimo a fareve cosa grata e pregandeve che ve degnate de adoprareme perché questo è uno de li mazori contenti abia al mondo. Vale, adì 26 de zugno 1505.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la Sig.ra
Marchisana de mantova


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 77.
Cart., 1 f.