97. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 26 ottobre 1504

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa mando queli 2 anpolinj d'olio, l'uno de zenevere e l'altro de mita venuti da valenca e me dise che la signoria vostra li conoseria: io non li conoscho e se in questo mancase, è per non conosere tal cosa. [2] Apreso fece la diligencia de trovare l'ebano per la viola talmente che non s'atrova cosa bona: quelo che c'è è tuto gropoloso e per niente non è bono, che molto me despiace perché io non penso maie in altro che in fare cosa grata a quela, como fidelisimo servitore. [3] Al presente m'acade andare fina a crema dal magnificho msser angelo francescho grifo de santo angelo, omo d'asai e virtuvoso e mio carisimo amicho, e molto me prega che volia andare da luj e credo volia andare a orbin e voria che andase con eso ma, avante che vada, verò a fare reverencia a quela como fidelisimo servitore: sarà forsa fra XV gornj. [4] Mandai, pù gornj fa, le do zuche d'aqua e le livere 4 de bengovino per mezo del messer lionardo aristeo che sta a gazolo. Non altro per questa, de contunevo m'arecomando ala ecelencia vostra. Vale, adì 26 otobre 1504.
lorenco da pavia in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, c. 346.
Cart., 1 f.