96. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 26 settembre 1504

Inlustrisima madona, [1] al presente s'atrova a venecia messer lionardo aristeo, cancelere del reverendisimo monsignore el vescho, e a luj òli consignato 2 cuche asai grande, una d'aqua rosa damaschina e l'altra d'aqua nanfa, molto bone, e livere 4 de bengovino de quelo propio che fo l'altro non à maie volsuto mancho de 8 marceli la livere che sono 32 marceli e le zuche de l'aqua costano ducati 2 e un marcelo. [2] E pù ò fato ogne diligencia per trovare l'ebano per fare la viola che in vero non trovo cosa bona per niente: c'era uno che n'aveva una bela stanga e donali mezo ducato che me la lasase taiare e s'el me piaceva la torìa e se non me piaceva li dava el mezo ducato, e così lo fece taiare per mezo e trovalo da niente, molto guasto. Per niente non s'atrova cosa bona, che in vero me doio asai a non potere al presente sastifare al desiderio de quela perché io non penso in altro che in fare cosa grata ala ecelencia vostra e a quela de contunevo m'arecomando como fidelisimo servitore. [3] Spero per tuto el mese che vene de venire a fare reverencia a quela, che me pare mile anj che non abia visto la presencia de quela e portarò uno liuto grande el quale tengo non abia el paro. Vale, adì 26 setenbre 1504.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, c. 345.
Cart., 1 f.