93. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 13 agosto 1504

Inlustrisima madona, [1] per una vostra intese del quadro esere piacuto ala ecelencia vostra: de che n' auto grandisimo piacere. Ancora che le figure siano picole, l' ben el vero, cos me parse ancora a mj. El mancamento so de chi l'ordina che se doveva fare fare do overo tre desegnj cos de groso, e al quelo modo s'averia visto el melio, ma a mj non me fo maie dito niente, n non me lo voleva anche mostrare che, se pura l'avese visto, li averia fato remudare qualque cosa. [2] E p me maraviai dela taula ch' molto trista che, se la depentura podese parlare, molto se lomenteria dela taula esere cos trista, o che el sia che io una natura che nesuna cosa me finise maie de sastifare del tuto, comencando ale cose che faco io. Ebe li danari del mosgo e el resto del quadro, che sta bene. [3] Per franceschino mando una scatola con livere 4 de bengovino asai bono e costa ducati doi e mezo. E p una cucheta d'aqua nanfa, pesa livere do e once 4, costa marceli 5 e una cucha d'aqua rosa damaschina, costa marceli doi e mezo. In tuto speso ducati 3 e uno marcelo e marcheti 7. [4] El magnificho messer ercule stroci a venecia e voria li facese uno paro de quele bachete d'ebano, et io per niente non le volio fare per niente, perch el desiderio mio seria che nesuna persona avese nesuna bela cosa salvo la ecelencia vostra. Al quale de contunevo me recomando a quela como fidelisimo servitore. Vale, ad 13 agosto 1504.
lorenco da pavia in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra Marchisana
de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, c. 341.
Cart., 1 f.