90. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 6 luglio 1504

Inlustrisima et ecelentisima madona, [1] p¨ volte sono stato con el magnificho messer alovise marcelo cercha al quadro de giovane belino, prometendo de fare e dire per avere li danari, tuta volta non ce vedo l'efeto a rasone non se li p˛ fare nula. [2] E questa matina sono stato con giovane belino e p¨ e p¨ volte, unde che l'Ó finito el quadro che non li mancha niente; e invero l'Ŕ bela cosa, Ó fato melio de quelo che me credeva. So che el piacerÓ ala ecelencia vostra. E in questo quadro s'Ŕ molto sforcato per l'onore, masime per respeto de messer andrea mantegna. Ben Ŕ vero che de invencione non se p˛ andare apreso a messer andrea ecelentisimo. SichÚ prego quela se degna de tore el quadro per onore de quela, e anche per l'efeto de l'opra. [3] Non voria talvolta perdere li danari, ancora che ˛ trovato uno che el vole conprare e dareme li danari che ˛ avere, tuta volta non ˛ voluto fare niente fina a tanto che abia da' aviso a quela, e poi forsa ancora non veria ad efeto. Ancora che dito giovane belino se sia porta' malisimo, che non Ŕ posibile pego, luj se scusa con asai rasone, la s.ria vostra tolia la virt¨ e lasarelo eso da bestia, e questo dicho ac˛ quela abia dele opere de li primi de italia, e tanto p¨ esendo vego e per pegorare. E, se lo vorete, se li farÓ fare uno belisimo fornimento tolendo la mesura, e mandare el quadro.
[4] Mando 2 bachete d'ebano: una che Ó del bianco atachado, e l'altra tuta negra. Quela del biancho, io l'˛ atacato e comiso bene e p¨ forte che se la fose de un peco. Non saria posibile a trovare ebano che avese el biancho che andase da l'un capo a l'altro. Tolse el resto de l'ebano de quelo che fece l'altra, ancora che non fose tropo belo. Non se ne trova per danari e per non mancare ˛ tolto questo ancora che m'Ŕ parso gitare li danari per esere la magore parte guasto, como pare per un peco aligato con le bachete, e costa ducati 2 e mezo. [5] Ebe li danari de l'ebano dela prima che fece ma non dela fatura che inporta quasi tanto quanto l'ebano per esere cosa fastidiosa da fare. Tuta volta io non rechedo nesuna cosa ala s.ria vostra perchÚ io sono debitore, mentre ch'io vivo, senpre de fare cosi che sia grata ala mia inlustrisima madona. E con grandisima fedeltÓ, e questo non sono maie per mancare, e a quela de contunevo m'arecomando. Vale, adý 6 luio 1504. vostro lorenco da pavia in venecia.
||

per giovane iacomo de borbaso
che vene per aqua, mando le bachete;
se parte domana.


All' Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra marchisana
de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, cc. 336-336 bis..
Cart., 1 foglio e 1 cartiglio, num. 336 bis.; il cartiglio Ŕ applicato alla c. 336 v. e contiene il poscritto.