89. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 4 maggio 1504

Inlustrisima madona, [1] sono stato con giovane belino e fatoli intendere quanto me scrive la s.ria vostra, e molte altre parole li dise de quanto è sta' la vilità sua, tanto pù avendolo io solicitato al contunevo, unde che luj se scusa molto per li gran lavori che l'à a le mane, e masime che l'à fato certe cose per el principo. [2] E li fece intendere como la ecelencia vostra voleva li XXV ducati, unde che a questo non me volse respondere, ma el prega la s.ria vostra che volia aspetare un mese che ad ogne modo sarà finito el quadro e in efeto l'è fato, de le quatro parte, le tre e pù. E in questo tengo certo che lo finirà, perché li increse molto a dare fora li danari per esere luj miserisimo. [3] Cercha al magnifico messer alovise marcelo ancora non è guarito, ma con el principo credo non farà nula: n'ò auto bona informacione. [4] L'erore fo quando se li dete li danari, e segondo li ordine de venecia, quando fo finito el termine del tenpo, bisognava farelo comandare e l'oficio li dà termine un mese o doi, segondo che li pare, e, se a quelo termine non à finito el quadro, alora l'è obeligado a dare indreto el caparo. Questo non è maie sta' fato, e tuto questo tenpo che è corso non vale niente. [5] Siché non se li pò cavare li danari da le mane: bisognaria farelo comandare e li signori li darà termine e, se in quelo termine non l'averà finito, alora l'è obeligato a dareme li danari. E de questo òne auto plena informacione, ancora che me pare leze bestiale, e tengo per certo che lo finirà, e presto, e dice che el desidera fare una cosa molto ecelente: che dio el volia che così sia. Perché non me sono io trovado depintore acò avese poduto dimostrare a quela quanto seria sta' pronto e presto a fare cosa grata ala mia cara inlustrisima madona, ala quale de contunevo me recomando a quela; adì 4 de mazo 1504.
Ma quela pole fare scrivere quatro parole a messer michele vianelo, che segondo che el dete li danari a giovane beli che anche el volia esere causa de reavereli. Adeso c'è de l'aqua rosa damaschina: se quela ne vole, se ne manderà.
vostro lorenco da pavia in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, c. 335.
Cart., 1 f.