82. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 3 gennaio 1504

Inlustrisima et ecelentisima madona, [1] per una vostra vedo como quela voria che li facese una bacheta d'ebano simile a quela m'avete mandado, che uno de lì mazori desiderii che io abia al mondo si è de fare cosa grata a quela. [2] Ma io ò cercato l'ebano e non ne trovo che sia belo, è tuto gropi salvo uno che n'à uno peco el quale è neto e con fadicha me ne darà uno peco che pesarà da X in Xij livere e non me ne vole dare mancho e ne vole marceli 2 de la livera, ma a me me pare mal fato a spendere questi danari per così picola cos che s'abia a fare e la tera è male fornita de dito ebano, ma io farò tuta la diligencia per trovarelo e subito che abia l'ebano farò nasere dita bacheta da la sera ala matina. [3] Apreso la cariola è finita, dio laudato, e per el primo burgo la mandarò: credo la piacerà ala s.ria vostra.
[4] Cercha al quadro de giovane belino io de contunevo lo solicito, ancora che me valia pocho, ma m'à promiso che in termine de uno mese e mezo che el sarà finito e dice che a l'invernada pole male colorire che non suga i colori. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala ecelencia vostra como fidelisimo servitore. Vale, adì 3 zenare 1504.
lorenco da pavia in venecia.
||

All' Ill.ma et ex.ma si.ra
la sig.ra Marchisana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1890, c. 324.
Cart., 1 f.