81. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 6 ottobre 1503

Inlustrisima madona, [1] con questa mando la mesura dela cariola la quale è ala mesura che me manda la s.ria vostra e, de breve, sarà finita. Non mancando maie de deligencia, pocho li mancha a finirela de dorare e aspeto d'averela, fra X overo Xij gornj, le sponde dal depentore fate d'oro masenato. E così aspeto danari per dareli perché de contunevo me li bisogna dare qualque ducato masime al doradore per conprare l'oro. In tuto ò auto XXX ducati. Ancora ne bisognarà fina a qualque XViij in tuto, che non vedo l'ora che sia finita. [2] De giovane belino, sono stato con eso, e dice che non mancarà che fra un mese e mezo averà finito el quadro dela ecelencia vostra e che non lo vole abandonare fina a tanto sia finito.
[3] Oze ò visto uno carimale lavorado ala damaschina, d'oro e d'aregento, e lavorato dentro e de fora ch'è una grande bela cosa, e cosa rara e quasi longo mezo braco e largo 4 dida, e ne domanda XXV ducati e non mancho. Ma invero è cosa ecelente. Non altro per questa, de contunevo m'arecomando ala ecelencia vostra. Adì 6 otobre 1503.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma et ex.ma si.ra
M.a sig.ra Marchisana
de mantoa.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 294.
Cart., 1 f.