80. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 28 settembre 1503

Inlustrisima madona, [1] per una vostra visto como quela vorebe che li facese fare 2 altri vasi da bevere de qualque foza fantasticha e bela. Al presente non lavorano, fano vacacione fina al dì d'ognesanti, poi tuti comencano a lavorare e così farò la diligencia, ma in vero sono mastri poveri de invencione. Ma la ecelencia vostra faca desegnare su un sfoio de carta qualque fantasia, così de groso e mandaremela e così farò ancora io. [2] Non ve poteria dire la fadicha che fu de quele mastelete che mandai e in efeto io le vide fare: erano molte dificile da conduvere per quele piege. [3] Da poi sono stato a casa de quelo dela fiore e ò visto quele teste: non c'è salvo che una testa de marmoro d'un vego toso, anticha, asai bona, poteria esere melio. Poi le altre sono de geso, non valeno niente. E s'el piace ala s.ria vostra quela de marmoro, à roto via el naso e molte altre cose, parte dele orege, piacendeve, la mandarò per el primo conducere e, se la ve piacerà, tanto quanto ordinarà la s.ria farò vostra, ma a me non me pare cosa per la ecelencia vostra. [4] E' per aviso è sta' porta' da rodi un nudo de bronzo che non vide maie la pù bela cosa, cosa grecha: li mancha mezo le brace e mezo un pede. À la testa intrega ma li capili porebano esere melio, ma per un nudo d'età de qualque X anj, non vide maie la pù bela cosa. E in le mane de un cavalere de rodi, di martinj, che la stima asai e f[…] pa asai amicho de messer tadeo d'alban. Quanto desideraria che la vedeseno, che la se mandase in una caseta fina a mantova, che messer tadevo se la fese dare e poi remandarela. E la signoria vostra scriva una letra a messer tadevo. L'andasemo a vedere giovane crestofano e mj e dice che el la vide a rodi.
[5] Marcheto e la giovana comencano a stare bene e giovane crestofano se comenca a dolere de le doie: se vole onzere adeso. Non altro per questa, de contunevo m'arecomando ala ecelencia vostra. Vale, adì 28 setenbre 1503.
fidelisimo servitore lorenco da pavia
in venecia.

Ebe li danari del bengovino
e de li goti.


||

All' Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra Marchisana
de Mantua.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 296.
Cart., 1 f.