77. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 4 settembre 1503

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa ve mando livere 2 de bengovino del melio abia trovato el quale costa marceli Xiiij. E pù per simone dela barcha mandarò uno cesto con Viij bicheri con li manegi d'oro, como fo la comisione de quela, li quali costano marceli XXj, con uno altro bichere mandai per franceschin, ma questi stano melio che la mostra; non li ò mandadi per non avere meso. [2] Marcheto e la giovana è gonto e invero la ecelencia de madona duchesa n'à grandisimo piacere. Cantano pura bene, beado chi li pò sentire: queli da venecia concludeno non avere maie sentito melio. [3] Apreso, per aviso, è mancato quelo omo dabene de messer giovane andrea de la fiore che a tuta la tera n'è despiacuto: à lasato una bona fama. So che ala s.ria vostra despiacerà molto, ché invero era bon servitore di quela, dio li dia paradiso. Non altro per questa, alegrandeme senpre de tute le alegrece e contenti dela inlustrisima signoria vostra. Vale, adì 4 de setenbre 1503.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra marchisana
de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 295.
Cart., 1 f.