73. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 30 marzo 1503

Inlustrisima madona, [1] io ò fato la diligencia circha a quela taula la quale vide la s. vostra a morano e con bon modo ò invistigado de vedere se la se pò avere e, segondo me dice el mastro che l'à fata, dice che quelo gentilomo che à dita taula l'à fornito de pagare fina ala soma de ducati C, la quale taula ie la fece fare l'inbasadore del re fedrigo, messer giovane batista spineli, napolitano, el quale à scrito a dito gentilomo, che à nome messer lucha valareso, amicho de dito inbasatore, che dovese finire de pagare el mastro de dita taula e che tenese la taula apreso d'esi fina a tanto li scrivese quelo dovese fare de dita taula; e pareme che dita sia de el dito inbasatore ancora che li dicese che la faceva fare per el re. [2] E da poi ò parlato con el dito gentilomo con modo che non parese che la s. vostra cercase tal cosa, ma como mj; me dise che la taula la stima CL ducati e che non sa ancora se coluj di chi l'è se la volese dare e così resta la cosa. Dapo' ò parlato con el mastro e dice che ne farà una molto pù bela e daràla in spacio de mesi Viij ma che non vole mancho de ducati CX a tute sove spese perché dice che l'inbasadore li dete luj el marmoro: siché la s. vostra veda quelo che io ò a fare che tanto farò. mei A me pare molto ben pagata, tuta volta ala gornata li parlarò e forsa la farà per mancho per esere omo che à bisogno. [3] Cercha al liuto de la s. vostra non penso in altro che in fare cosa che sia grata ala ecelencia vostra. Duro fadicha a trovare sandolo che sia belo, tuta volta tendo al presente a fare la forma che inporta molto a 'sta cosa. Così de contunevo me recomando a quela. Vale, adì XXX de marco 1503.
servitore vostro lorenco da pavia
in Venecia.

per el toso, barcharolo del signore, porta
dite roba.


||

All' Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sign.ra Marchisana
de mantoa.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 292.
Cart., 1 foglio e 1 cartiglio; il cartiglio è volante, è attualmente unito con una graffetta alla c. 292 e contiene il poscritto (il Brown però trascrive il poscritto in coda alla lettera 75, del 17 giugno 1503, alla c. 293 della Busta 1440, quindi all'epoca il cartiglio non si trovava vicino a questa lettera).