72. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 26 novembre 1502

Inlustrisima madona, [1] al presente m'acade andare fina a milano e li starò cercha a gorni XV. E se ala s. vostra bisogna che faci qualque cosa, quela si degna de dareme aviso che tanto farò quanto quela me ordinarà. E sarò in casa de messer francescho da benolchi, mercadante milanese, e così starò a crema 4 overo 6 gornj in casa de messer angelo francescho dgrifo de santo angelo e poi verò a nadale a fare reverencia ala mia cara signora madama marchisana. E per esere io fidelisimo servitore di quela m'è parso fare el debito mio a dare aviso a quela.
[2] Apreso, in questo mese che starò fora, ordinato al mastro che sega queli diaspri che li faca e che ala tornata mia li trova finiti. Così quando sarò avante ala signoria vostra diròve de certe cose belisime e rare quale à portato uno mercadante dal cairo, che maie vide le pù bele cose. Altro non acade al presente salvo che de contunevo m'arecomando ala inlustrisima s. vostra; così me partirò in questa sera. Adì 26 novenbre 1502.
lorenco da pavia in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma mia
la sig.ra Marchisana
de mantoa.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 49.
Cart., 1 f.