69. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 1 ottobre 1502

Inlustrisima madona, [1] per messer agustino di garconj ˛ receuto una vostra con X ducati e che de queli n'abia a conprare 2 once d'anbracan; cosý fece la praticha, ma fina a questo presente io non ˛ trovato cosa bona; p¨ presto sono restato, ma m'Ŕ stato promiso fra 2 gornj de mostraremene un belisimo peco e se cosý sarÓ, mandarolo per el primo; se anche non Ŕ, mandar˛ne una onca del melio che se atrova e se quelo li piacerÓ li mandar˛ l'altra onca e coluj che Ó questo non ne vole mancho de 5 ducati l'onca, ma spero de trovare melio perchÚ tanto costarÓ a l'una via quanto a l'altra. [2] Ebe da franceschino ducati 4 e marcheti 7 che sta bene, senpre regraciando la s. vostra. [3] La ecelencia dela duchesa d'orbino e madona milia se recomandano asai ala s. vostra: Óno auto una bona casa in canarego, la casa di malonbra con uno belisimo gardino, apreso a nuj un trato d'archo e li intrano adý 3 di questo. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala s. vostra. Messer michele vianelo scrive a quela cercha a giovane belin. Adý primo otobre 1502. lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 48.
Cart., 1 f.