66. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 10 settembre 1502

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa ve mando once 2 de mosgo, el melio de venecia, e costa ducati 7 l'onca che non Ŕ sta' posibile averelo per mancho, e, in efeto, el bono vale ancora p¨ de sete. [2] Cosý mando ancora uno peco de bengovino, el melio abia trovato, el quale pesa livere 2 e once 5, e costa 17 marceli. [3] Cercha a li danari de giovane belino del quadro, sapia la s. vostra che sarano longi danari; s'averÓ fadicha a cavare diti 25 ducati. Adeso che ˛ dito che la s. vostra voli li danari, li increse a dareli e dice che luj farÓ el quadro e farÓ una fantasia a suo modo, che sono longe. Messer michele prega la s. vostra che li faci una letra che canta, ac˛ la si posa mostrare e che el dia li danari.
[3] Cercha avereme scrito per francischino che io ve mandase uno onca de mosgo, io non ne so niente, non ˛ auto noticia nÚ per letre nÚ a bocha, che subito l'averia mandado. Ma franceschino me dise a bocha per parte dela s. vostra, e deteme una mostra, un peceto de legno e che dovese trovare tanto ebano che facese 3 de diti legnj; cosý lo trovai e pesava livere 3 e once 3, e costa marceli 6; e, in tuto, ˛ speso de p¨, ultra li Xij ducato ˛ auto dal portatore di questa, ducati 2 in el mosgo, e li 17 marceli del bengovino, e li 6 marceli de l'ebano e 25 marcheti in una pele mandai a la s. vostra per messer giovane francescho da la grana. Cosý aspeto che la s. vostra cometa me sia mandado li danari per non tegnire cunto de 'ste picole cose. Non altro per questa, quanto sia servitore de quela non acade a replicare e s'el fose posibile che dapo' morto che le mie ose podese fare qualque servicio ala s. vostra, volentera el lasaria per testamento. Vale. Adý X setenbre 1502.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 40.
Cart., 1 f.