57. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 22 maggio 1502

Inlustrisima madona, [1] con questa inclusa ve mando un pocho de desegno dela cariola la quale se à a fare per la s. vostra. Ò prima volsudo fare sapere così de groso quela costarà, perché avendo io avere cura, volio sia fata con tuta la diligencia che sia posibile e faràla el primo mastro de venecia. [2] Prima, in le colone non li pò andare lavore de stucho perché non s'atrova cose che venga a bene, bisogna sia de intaio e così el resto; le colone sono molte longe, forsa à farato la mesura. [3] E dice el mastro che non vole mancho de XX ducati con legname, poi a farela dorare e spesa de belo azoro da XV ducati, po' in el pian de le 2 sponde fare alcune istorie de oro masenado el quale saria una bela cosa perché qua c'è uno che le fa bene, che montaria da Xij ducati, ancora che diti mastri m'àno domandado molto pù. Ma diti sono mei amici: farò quelo a me piacerà, faco cunto che questo sarà el mancho, ma sia certo la s. vostra che la sarà per ecelencia bela, masime metendela in quelo camarin che vole esere belisima. Sono certo quando sarà finita ve trovarete molto contenta e i danari ben spesi e con avantazo.
[4] Per messer francischo dala granna mandai uno acanino pieno d'aqua moscheta da malenca bona e una pele negra sotile da fare scarpe.
[5] Trovandeme con quelo frate guliano predicatore, quelo dove fu la s. vostra ala predicha ali crosageri e esendo luj desideroso de fare reverencia ala s. vostra per la fama e virtù di quela, desideraria de venir a una quatridgesima a predicare a mantova, ci quale voria, piacendo a quela, venire questo ano. Così li è parso de dareme questa comisione per esere io servitore di quela e in vero l'è famoso predicatore e à lasato bona fama e da milanesi n'averete piena informacione per avere predicato asai a milano. Così n'aspeta resposta perché dice non prometerà a nesuno altero. [6] Faco segare quelo peco de diaspro che è stremo duro, ma lavora molto bene. N'à fato uno peco che, per lo primo, io mandarò: se fosano fati de legno non sariano melio lavoradi. Non altero per questa, de contunevo me recomando a quela. Adì 22 de mazo. Lorenco in venecia 1502.
||

Como scrise, el manca el nostro francischo varotare organista ecelente. Dapo' è gonto uno govane vicenco da modena el quale è ancora pù ecelente, ché in vero io non sentite maie tal zentileca de sonare un conpíto e perfeto mastro, ma fra le altere sonna de una nova foga de pedale ch'è gran zintileca a vedere e fa tanto con li pedi como con la melio man cancha del mondo ed è volentaroso de fare reverencia ala s. vostra e à gran dolceca e sonna ancora ala spagnola.


Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 38.
Cart., 1 f.