56. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 aprile 1502

Inlustrisima madona, [1] in questa ora Ŕ gonto el corere da genova el quale Ó portato cercha a X artigochi freschi et io trovandeme con quelo gentileomo genovese ali quali sono stati mandati, io lo pregai che me ne dese uno paro e cosý me Ó dato queste 3, le quale mando ala s. vostra per el portatore di questa. E doieme non averene potuto averenÚ p¨. E credo che ancora sarano fresche. Dele nostre ancora non ie ne sarÓ fina a paregi gornj per esere locho frigido. [2] Deli capeli la s. vostra li remandarÓ perchÚ el mercadante Ó molto p¨ caro li capeli che li danari. Adý 29 de aprile 1502.
lorenco in venecia.
||

Ala Illustrissima Mdamma
Elisabella marchesana
de Mantoa.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 45.
Cart., 1 f.