53. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 20 aprile 1502

Inlustrisima madona, [1] per una vostra ò visto como li capeli sono grandi che ben conobe io el mancamento, ma per fare vedere l'efeto d'esi me parse de mandareli ala s. vostra che quela li vedese. [2] E volendeli remandare de bona volia, el mercadante che me li à fati fare à molto a caro che li siano retonati e fòli servicio, ance che li mandase non me ne voleva dare se non uno, ma io li volse mandare tuti doi e così per l'avenire quele cose che io mandarò ala s. vostra me forcarò senpre che la s. vostra le veda prima, avante che se pagano. Non altero per questa, de contunevo me recomando ala s. vostra. Così quela li piaqua de recomandareme ala ecelencia dela duchesa e a madona milia, e faco fare la mostra de li 5 paternostri e che per lo primo ie mandarò. Adì 20 aprile 1502.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
‹de M›antoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 43.
Cart., 1 f.; l'indirizzo è lacunoso a causa di uno strappo, provocato dall'apertura del sigillo.