51. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 9 aprile 1502

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa ve mando li doi capeli, fati per mano del primo mastro che sia in fiandra, quale credo che piacerano ala s. vostra, che in vero me pareno belisimj quanto vedese maie e se sarano grati ala s. vostra l'averò molto a caro, se anche de non, me ne doio asai: per me non è mancato a fare la diligencia. [2] E ce n'è uno pù belo de l'altero e costano toti 2 ducati, 2 e mezo e la portatura in dono. [3] In questo gorno sono stato a casa de quelo che stanpa li Petrarcha e stanpa adeso l'epistole de tulio in quela forma propia deli petrarcha e così comencerà fra 8 gornj a stanpare el dante e ovidio de quela letra medema. Non altero per questa, de contunevo me arecomando ala s. vostra. Fece la imbasata de la s. vostra a messer michele vianelo, el quale regracia asa' la s. vostra e così de contunevo se recomanda a quela e ala ecelencia dela duchesa. Adì 9 de aprile 1502.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madama
Elisabella Marchesana
de mantoa Madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1440, c. 42.
Cart., 1 f.