5. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 14 novembre 1496

Ad 14 de novembre 1469
Inlustrisima madona, [1] per el portatore de questa ebe una vostra e per quela vide como volevate che io facese una frica de ebano como quela de calemo quale ebe et io lasai ogne cosa e subito me mise in opera, n non maie cesato fina a tanto che l'aio finita, lavorando le feste e ogne gorno e la fata d'ebano e d'avolio con el pontale de corale. [2] Non l' fata tuta de uno peco per non avere maie poduto trovare l'ebano belo: se acata con grande dificultade e a me me pare p bela de peci e p dificile e se la non stese al modo de la signoria vostra, prego quela me perdona perch maie p fece tal cosa. Ma se ne facese una altera, la faria melio asai. [3] Cos concai quela de calemo con el pontale d'ebano e, cos, ve le mando tute dova ligate in 2 tavolete. Averia bene a grato a sapere como sar stata ben fata o mal fata. [4] Del instromento e l' a bonisimo termine e non li mancha altero che XV gornj a finirelo: li posto susa certe corde reinse molto mirabile ed molto belo, ch quelo che fece ala inlustrisima duchesa de milano non li saria bono per la casa, e de una foga nova e se io avese mancato de darelo al tenpo como promise, prego quela me perdona, ma sono certo che quando vederete l'opera, m'averete per escuso e siate certa che io non pertendo a nesuna altera cosa perch el desiderio mio non studia in altero se non in cosa che sia grata a quela. Sich de breve sar da quela e far fare una bela casa sopra dito instromento.
[5] E p ve mando uno vaseto d'ebano molto belo che maie vide el p belo ebano. E in questo ponto uno amicho mio che vene da rodi m' portato certi beli limoni: m' parso mandarevene per dito portatore una cistela. P n'averia mandato, ma per non agravare tropo el corere, non ie n' dado p, sich de tute queste cose ne faco uno presente ala signoria vostra ancora che la cos sia picola, ma l'animo mio si bene grande verso di quela. Non altero per quede e de contunevo a quela me recomando. E p portar ancora una belisima viola fata a una altera foga.
vostro fidelisimo servitore
lore da pavia in venetia.
||

Ill.me D.ne D.ne isabele
Marchonise mantue
D.ne sings observa.me.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1431, c. 731 .
Cart., 1 f.