46. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 1 settembre 1501

Inlustrisima madona, [1] per una vostra ˛ visto como ve sono piaciuti li paternostri, che n'˛ auto grandisimo piacere; [2] apreso vedo como la s. vostra che ie ne facese fare cercha a 30 dela groseca como la mostra m'avete mandato, ma non sarÓ posibile perchÚ non c'Ŕ p¨ de quelo ebano con quela maga che me ne increse asai. Non se ne trova per niente: tuto quelo che ebe lo taiai, unde che ne fece fare cercha a CL e de tuti questi io cernite fora li p¨ beli. El resto erano gofisimi e pura asai tarmadi sichÚ non saria posibile a trovare de dito ebano, ma me n'avanca alcunj, li quali tuti ve li mando con questa de fareli d'ebano tuti negri. Io li far˛ fare de quela groseca fina a X e grosi e ben tondi e bisogna che io li stia continevamente sopra, alteramente saria malservito. S'atrova pochi omenj diligenti. Fati che siano, subito li mandar˛. [3] Apreso ve ne mando uno el quale ˛ fato io d'ebano e ˛li incolado el biancho in quatro face, el biancho si Ŕ buso, ma Ŕ una estrema fadicha, non so como ve piacerÓ. Non altero per questa, de contunevo me recomando ala s. vostra. Adý primo setenbre 1501.
lorenco da pavia in venecia.

Li paternostri mando con questa sono 19, non c'Ŕ p¨ ebano per farene con queste mage; questi pochi li aveva salvati per mj, cosý ve li mando como li alteri. NŔ non spero maie p¨ de vedere li p¨ beli.


||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella Marchesana
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 313.
Cart., 1 f.