45. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 27 agosto 1501

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa ve mando li paternostri d'ebano belisimj. A me me pare, per esere d'ebano, de non avere maie visto li pù beli: è cosa rara. [2] Così ne faco un presente ala s. vostra, ancora che sia picola valuta, ma per esere nova cosa, de così belo ebano, questo m'à fato usare questa prosuncione de donareli ala s. vostra. [3] Regracio asa' la s. vostra che m'abia fato dare aviso como è stato donato quelo instromento che fo dela duchesa de milano: a quelo tenpo era molto bono. Non so como sia adeso. Credo debia esere malisimo a ordine, perché li instromenti sono bonj tanto quanto sono a ordine. [4] Como venga dala la s. vostra, piacendo a quela metarò a ordine quanti instromenti à in casa la s. vostra.
[5] Piacome asì che el virgìlio e el petrarcha siano piacuti ala s. vostra, così starò su l'aviso quando stanparano l'ovidio e el dante. Così aspeto li danari dal palacio per sastifare chi m'à dado diti libri. Non altero per questa, de contunevo m'arecomando ala s. vostra.
[6] Giovane belino dice farà una bela fantasia cercha al quadro dela s. vostra, ma ancora non l'à principiato. E' longo omo, se scusa che l'à da depencere ancora in palacio ma che l'atendarà a l'uno e a l'altero. [7] Se la s. vostra à mezo a firenca, fate fare uno quadro dal perosino el quale è ecelente mastro, amicho de giovane crestofano romano. Adì 27 d'agosto 1501 in venecia.
lorenco da pavia.
||

Ala Ill.ma madamma
Elisabella Marchesanna
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 312.
Cart., 1 f.