43. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 3 agosto 1501

Inlustrisima madona, [1] ve mando el petrarcha in carta bona, cernito a foio a foio, el pù belo che sia stato fra tuti, el quale io non l'ò vosuto fare ligare per rispeto che, forsa, la s. vostra li vorà fare ligare e coprire de qualque bela cosa con le saraie de arezento. Tuta volta, se la s. vostra vole che io li faci ligare io a venecia dal melio mastro che sia, faròlo molto volentera. [2] Ma a questi gornj vidi uno libracolo in mane de uno mercadante de fiandra che maie vide el pù belo fornimento de corame e una saraia d'arezento belisima, che in italia non c'è nesuno che sapese fare uno simile fornimento; unde che restai con questo mio amicho che li dese uno de questi libri, o el petrarcha, o lo vergilio, che lo mandarebe per meso fidato in fiandra e che lo faria fornire ancora melio de quelo vide e che el s'averà a nadale. [3] Così ancora m'à promiso de fareme avere uno belisimo capelo de lana per la s. vostra: così aspeto la resposta da la s. vostra e mandate el libro. [4] Mandando el petrarcha, ve ne mandarò uno in parpere e ligato che li vendano marceli 4 senca la ligadura el petrarcha costa ducati 3 in carta bona, così ancora el virgilio ducati 3. [5] Mio fratelo è venuto da damascho e à portato uno gato soriano. Io l'averia ben mandado ala s. vostra ma non è niente belo: ie n'aveva 2 in galeia ma el pù belo li fo robato; siché l'andarà a damascho questo setenbre con le galeie: se la s. vostra vole qualque cosa da quele bande, quela si degna de comandare. Non altero per questa, de contunevo me recomando ala s. vostra. Adì 3 d'avosto 1501.
lorenco da pavia in Venecia.

Del quadro de giovane belino el se solicita
con ogne diligencia. Adeso à finito una meza
figura de san domenicho ch'è asai bela
su un quadreto picolo ed è fata per el signore
don alfonse.


||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella Marchesana
de mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, cc. 310-311.
Cart., 1 foglio e 1 cartiglio; il cartiglio, num. 311, è applicato alla c. 310, dopo la firma, e contiene il poscritto.