40. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 20 luglio 1501

Adý 20 de luio 1501.
Inlustrisima madona, [1] per una vostra ˛ visto como quela vorebe li mandase questi 3 libri coŔ el virgilio, el petrarcha e l'ovidio, in carta bona, et io subito andai a casa de mastro aldo, quelo che stanpa diti libri e in forma picola e in letera canzelarescha la p¨ bela vedese maie et Ŕ quelo che fu ancora inventore de la prima stanpa grecha. ╚ molto mio caro amicho. [2] Al presente non se p˛ avere se non el vergilio in carta bona, cosý, con questa, ve lo mando. Del petrarcha ancora non Ŕ finito: Ŕ a bono termine, m'Óno dito che fra X gornj sarÓ finiti, e non Óno fato in carta bona se non cercha a 15 li quali li avevano alogati se fosano cento e questo Ŕ stato per calestria de carte bone, che ‹c›on dificultade Óno trovado queste poche cosý in li vergilii como in li petrarcha; sichÚ la s. vostra averÓ uno de diti petrarcha e Óme promiso de cernireme fora de queli 15 a foio per foio ac˛ che la s. vostra abia el p¨ belo. [3] Tanto p¨ che Ŕ in conpagnia de dito mastro, messer pero benbo, el quale Ŕ stato quelo Ó fato stanpare diti petrarcha et Ŕ aficionatisimo ala s. vostra. E se Ó auto el petrarcha propio de ma' del petrarcha co' scrito de sua mane e ˛lo auto in mane ancora io et Ŕ de uno padovano che l'astima asai, sichÚ l'Óno stanpato a letera per letra, como questo, con molta diligencia. [4] Finito che sia, subito mandar˛lo ala s. vostra e voleno che el primo che insa, sia el vostro e che l'Óno per bono augurio: tegano per certo de fare de gran bene de dita opera per avere dato primo principio la s. vostra.
[5] Apreso, dreto al petrarcha, stanparÓ ancora el dante in questa letra e forma como questa mostra del petracha e, detro al dante, l'ovidio, che crede lo principiarano ala fin de setenbre. [6] Ma el dante fra 20 gornj sichÚ, adoncha, prego quela faci cerchare dele carte bone de cavereto che siano nete e ben bianche e sotile e gualide, che non siano grose in uno logo e sotile in uno altero, perchÚ altere volte ie n'˛ aute in mantova de bele. [7] La difilcutade sta in trovare bele carte sý che se n'abia, per el dante e per l'ovidio, la grandeca como Ŕ questa carta del petrarcha con el foio intrego: dela diligencia, la s. vostra, lasi fare a me. [8] Far˛ talmente che quela averÓ cose rare che non averano palengone cosý como Ŕ la s. vostra, e nesuna cosa poso io avere al mondo p¨ grata che quela si degna de comandareme, recordandeme senpre deli beneficii receuti da quela. [9] A questi gornj m'Ŕ capitato ale mane un peco d'ebano magato de bianco, cosa bela, e ne faco fare una filca de paternostrj finite che siano, subito li mandar˛ e in questa Ŕ la mostra qua inclusa. [10] El vianelo fa la diligencia del quadro de la s. vostra con giovane belino. Non altero per questa, de contunevo me recomando a quela. Valete.
vostro servo lorenco da pavia in venecia.

Del virgilio e del petrarcha dicano non voleno mancho de 3 ducati de l'uno.


||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
de Mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Raccolta d'Autografi, Busta 10, c. 13.
Cart., 1 f.