37. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 2 aprile 1501

Inlustrisima madona, [1] per el portatore di questa ve mando 28 pene de struco in uno peco de una cana de carta dele cane de l'organo che io fece e dite pene sono negre e bianche como la s. vostra m' recesto, e cercato tuta venecia in modo che non se ne trova perch l' 3 anj che le galeie non no navegado, perch le neva de barbaria, ma per desgracia trovato queste e non ce n'era p che fusano magate de negro ma de bianche ce n' bene e se pura ie n' qualque una de negre, no qualque defeto, sono tarmade. [2] Apreso ve mando ancora 8 busoleti deferenciati de colori e li sono stato io presente a fareli fare, ma ancora poterebeno stare melio, non sano fare melio di questo, ie n'aveva fato fare su una altera foga ma stavano male. Io non ve li volsuti mandare. [3] La s. vostra sa bene che se trova pochi omenj che siano diligente in le loro cose, per me non mancha a fare la diligencia per la s. vostra, ch tuta la vita mia non pensa in altero che in fare cosa grata a quela. Le pene costano uno ducato e mezo e li vaseti marceli 13. Non altero per questa, de contunevo me recomando ala signoria vostra, ad 2 d'aprile 1501.
vostro lorenco da pavia in
venecia.

S'atrova qua el s. constantino, quelo c'era guernatore d'Aste, el quale asa' se recomanda ala s. vostra e a lo inlustrisimo marchese.


||

Ala Ill.ma madamma
Elisabella marchesana
‹de Ma›ntoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 309.
Cart., 1 f.; l'indirizzo lacunoso a causa di uno strappo, provocato dall'apertura del sigillo.